Toscana
stampa

MEDIO ORIENTE, GAZA: DOPO INCHIESTA 'RAINEWS 24' ALTRI ELEMENTI SU USO «NUOVE» ARMI DA PARTE ISRAELIANA

Percorsi: Mondo

“Il dato certo è che tra i mesi di giugno e agosto l'aviazione israeliana ha usato nella Striscia di Gaza armi diverse o nuove, che hanno provocato ferite mai viste in precedenza. Abbiamo documentato decine di casi di feriti che hanno perso uno o due arti inferiori per cause difficilmente spiegabili": lo dice alla MISNA il dottor Hassinen Mouawia, direttore generale dei servizi di pronto soccorso nella Striscia di Gaza presso il ministero della Sanità dell'Autorità nazionale palestinese (Anp). Da alcune ore sta circolando la nuova inchiesta di 'Rainews 24' - il canale satellitare 'all news' della televisione di stato italiana - secondo cui nei mesi scorsi le forze israeliane avrebbero usato un nuovo tipo di arma con frammenti di carbonio e polvere di tungsteno.

"Nei principali ospedali di Gaza, come lo Shifa Hospital, i nostri colleghi medici hanno curato feriti che presentavano piccoli fori, soprattutto alle gambe; in alcuni altri casi, all'interno del corpo sono stati trovati frammenti metallici di diverse dimensioni, superiori alla misura delle piccole ferite” spiega il dottor Mouawia, che è chirurgo cardio-vascolare. Personalmente ho raccolto in un cd la documentazione relativa a 86 casi che sono pronto a mostrare in Italia o all'estero per far sapere quello che è accaduto qui nei mesi scorsi, quando l'opinione pubblica era rivolta soprattutto al conflitto in Libano" aggiunge il medico.

"Secondo noi Israele ha utilizzato anche armi chimiche, come dimostrano i numerosi casi, anche questi documentati, di persone con gravissime bruciature a organi interni in assenza di ferite esterne" dice ancora alla MISNA Mouawia, raggiunto al telefono a Gaza City.

Secondo l'indagine di 'Rainews 24', la "nuova" arma utilizzata a Gaza sarebbe molto simile all'esplosivo Dime (Dense inerte metal esplosive), realizzata dall'industria bellica statunitense e definita sul sito internet di un laboratorio dell'aeronautica statunitense una munizione "focused lethality" (a "mortalità mirata"), ovvero in grado di distruggere un obiettivo causando danni minimi all'area circostante. Stando alle testimonianze raccolte nel reportage, i feriti di quest'arma hanno riportato danni e amputazioni agli arti inferiori tutti effettuati alla stessa altezza (poco sotto i genitali) e con modalità identiche.

"Negli ospedali di Gaza - aggiunge il dottor Mouawia - i medici stanno fronteggiando una situazione davvero difficile, peggiorata anche dall'assedio in cui siamo costretti a vivere nella Striscia di Gaza come in un carcere a cielo aperto: molti feriti sono morti per la gravità di ferite provocate da armi 'diverse' rispetto a quelle tradizionali finora usate dall'aviazione israeliana" dice ancora alla MISNA, aggiungendo che nessun nuovo caso è stato registrato dopo il mese di agosto. Secondo il dirigente, dal rapimento di un sottufficiale israeliano lo scorso 25 giugno da parte di estremisti palestinesi, fino ad oggi nella Striscia di Gaza sono stati uccisi 286 palestinesi e oltre 4.200 feriti.
Misna

L'inchiesta di Rainwes24

MEDIO ORIENTE, GAZA: DOPO INCHIESTA 'RAINEWS 24' ALTRI ELEMENTI SU USO «NUOVE» ARMI DA PARTE ISRAELIANA
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento