Toscana
stampa

MEETING SAN ROSSORE, A 70 ANNI DALLE LEGGI RAZZIALI UN CONTROMANIFESTO DEGLI SCIENZIATI

Percorsi: Regione
Parole chiave: meeting san rossore (10), razzismo (20)

A settant'anni dalle leggi razziali, promulgate da Vittorio Emanuele III proprio a San Rossore, il presidente della Regione, Claudio Martini e il genetista Marcello Buiatti, hanno presentato il “Manifesto degli scienziati antirazzisti 2008”, specularmene opposto a quello razzista, che dette il via libera, anche in Italia, alla persecuzione degli ebrei e dei “diversi”.
I primi dodici firmatari sono scienziati come Rita Levi Montalcini, e poi genetisti, psichiatri, etologi, antropologi come Enrico Alleva, Guido Barbujani, Laura Dalla Ragione, Elena Gagliasso, Massimo Livi Bacci, Alberto Piazza Agostino Pirella, Francesco Remotti, Filippo Tempia, Flavia Zucco.
Le razze umane non esistono, né grandi né piccole; il concetto di razza, biologicamente non ha significato; gli italiani non discendono da famiglie che abitano l! a penisola da oltre un millennio e quindi non esiste una razza! italian a, ma solo un popolo italiano. Sono questi alcuni dei concetti sviluppati nei dieci articoli del manifesto antirazzista che individua nel razzismo un'aberrazione al tempo stesso omicida (verso le minoranze) e suicida (nei confronti di ogni deviazione, anche all'interno dello stesso popolo), e una ideologia che discrimina e reprime tutte le diversità. Negli ultimi due articoli il manifesto sottolinea come gli ebrei italiani sono contemporaneamente ebrei e italiani, così come tutti i popoli migranti e conclude con la considerazione che l'essere “bastardi” fa bene, perché ogni “meticciamento” culturale è portatore di progresso.
Chiunque può aderire al “Manifesto degli scienziati antirazzisti 2008” semplicemente collegandosi al sito www.regione.toscana.it (oppure a www.regione.toscana.it/regione/export/RT/sito-RT/minisiti/sanrossore/manifesto), digitando il proprio nome e cognome.
«Avverto un aumento continuo dell'astio di ognuno contro ognuno, un aumento della litigiosità individuale e collettiva, e anche dell'odio collettivo. E' un astio preoccupante, che deriva da una sensazione di paura paragonabile a quella che c'è stata in altri momenti storici: penso alla crisi del '29, al periodo tra le due guerre. Io, italiano e di origine ebraica, sento tornare sentimenti che mi sono stati raccontati». Marcello Buiatti, genetista, tra gli estensori del manifesto degli scienziati antirazzisti che è stato presentato a San Rossore, cerca di analizzare il clima di astio e paura che si sta diffondendo nel nostro Paese. «E' la paura dell'”altro”, che sia l'handicappato, il folle, il povero di spirito: non a caso c'è una proposta di legge per abolire la legge 180 e riaprire! i manicomi. Si parla per slogan, senza conoscere ciò d! i cui si parla: per sicurezza a rischio si intende un musulmano che prega per strada, tutti pensano che i rom siano romeni». E spiega come è nato il manifesto: «Nasce dall'esigenza che la risposta al manifesto razzista del 1938 abbia una base scientifica. Da allora, la scienza ha fatto alcuni progressi, nel 1938 di genetica non si sapeva niente, la struttura del Dna è stata individuata nel 1953». «Alla luce delle conoscenze scientifiche attuali - spiega il genetista - il termine razza non ha alcun senso. Noi abbiamo pochissima variabilità genetica, a differenza per esempio dei gorilla, che sono molto più variabili geneticamente. Gli esseri umani non si sono adattati per selezione, ma per cultura. Noi abbiamo adattato l'ambiente a noi stessi e abbiamo fatto le culture». E affronta direttamente il nodo centrale del razzismo, con una frase che viene accolta da un applauso scrosciante: «Non dobbiamo to! llerare e accettare il diverso da noi perché siamo buoni, ma dobbiamo essere contenti perché ci sono i diversi da noi. La variabilità culturale è fondamentale per la nostra sopravvivenza».
(cs-Tiziano Carradori e Lucia Zambelli)

MEETING SAN ROSSORE, A 70 ANNI DALLE LEGGI RAZZIALI UN CONTROMANIFESTO DEGLI SCIENZIATI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento