Toscana
stampa

Maltempo, disastro a Montenero. Misericordie a spalare dall’alba

Disastro nella notte a Livorno, per le forti precipitazioni. Cinque corpi senza vita sono stati trovati nella zona di Monterotondo, non lontano da Montenero. Nella zona si sono verificate frane e smottamenti. Interrotta la Fi-Pi-Li. Misericordie all’opera dall’alba.

Percorsi: Livorno - Maltempo - Misericordie
Volontari delle Misericordie a lavoro a Li orno per spalare il fango (Foto Misericordie Toscane)

Misericordie già in azione e tra quanti hanno riportato danni a Livorno e Montenero in particolare, per le forti precipitazioni di questa notte. Stanotte è stata aperta la Sala Operativa Regionale delle Misericordie, su richiesta della Regione Toscana, che sta coordinando i primi interventi dei confratelli ed ha inviato nelle zone colpite tre nuclei di valutazione da Massa, Versilia e Pisa. A Montenero sta arrivando anche il presidente regionale delle Misericordie, Alberto Corsinovi.

È qui che pare esserci la situazione più difficile: i volontari della locale Misericordia sono in azione praticamente da tutta la notte e dalle prime luci dell’alba stanno spalando il fango. La stessa sede e i mezzi della Misericordia hanno riportato danni. 

«Dalle due – racconta la Governatrice della locale Misericordia, Elena Del Corso – ha iniziato a piovere fortissimo e si è allagato tutto. È venuta giù una colata di acqua, fango e detriti che ha invaso le strade, allagato i piani bassi delle case e fatto tantissimi danni. Ci sono auto distrutte, alcune finite dentro le case, muretti crollati e mezzo metro di fango e detriti in strada. È una situazione tremenda. Stiamo spalando a mano, in attesa dei mezzi di soccorso più grandi».

Fonte: Comunicato stampa
Maltempo, disastro a Montenero. Misericordie a spalare dall’alba
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento