Toscana
stampa

A lanciare l'accusa è Fabrizio Ciuffini segretario della Fns-Cisl

Naufragio Concordia: allarma della Cisl, lo Stato non paga i Vigili del Fuoco

Lo Stato si rifiuta di pagare i Vigili del Fuoco che intervennero e che sono rimasti a lungo sul luogo del disastro, molti di loro operando in condizioni difficili – talvolta estreme – pur di dare il loro indispensabile apporto alle operazioni

Naufragio Concordia: Stato non paga Vigili del fuoco

Lo Stato si rifiuta di pagare i Vigili del Fuoco che intervennero sul disastro. A lanciare l'accusa è Fabrizio Ciuffini segretario della Fns-Cisl Toscana. "Mentre l’attenzione dei mass media - sottolinea il sindacalista - si accentra sul processo in svolgimento al Teatro Moderno di Grosseto, i diritti dei  Vigili del Fuoco, intervenuti dopo il disastro della Costa Concordia, restano dimenticati, anzi restano sospesi a tempo indefinito". Come sempre più spesso accade, dopo i primi soccorsi, interi reparti delle specialità dei Vigili del Fuoco sono rimasti impiegati a lungo sulla scena del disastro, per cercare persone disperse, per recuperare gli effetti personali degli occupanti della nave da crociera che andò a naufragare sugli scogli dell’Isola del Giglio.
Vigili del Fuoco che sono rimasti a lungo sul luogo del disastro, molti di loro operando in condizioni difficili – talvolta estreme – pur di dare il loro indispensabile apporto alle operazioni.

"Dopo che sono passati mesi e mesi dal naufragio - spiega Ciuffini - quegli stessi Vigili del Fuoco non hanno visto pagato neanche un solo euro, delle centinaia e centinaia di ore di lavoro straordinario che hanno dovuto prestare al Giglio, lontani dalle loro famiglie e convivendo con sistemazioni spesso precarie. E quindi dopo aver chiesto al Ministero dell’Interno di essere almeno pagati di quanto loro spetta si sono sentiti rispondere che devono attendere, ma soprattutto che non si sa quanto dovranno attendere. Questo perché secondo lo Stato, quello stesso Stato che gli ha inviati là e gli richiesto di fare il meglio possibile, le loro prestazioni saranno pagate solo dopo che saranno stati definiti i contenziosi tra Compagnie Assicurative. Definiamo questa decisione - conclude il sindacalista - una vergogna, una decisione che viene dal Ministero dell’Interno, da un Ministro dello stesso Governo che chiede sacrifici ai Cittadini ogni giorno e che invece di tagliare gli “Sprechi veri della Spesa Pubblica” per il momento non paga il Personale del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco che intervenne (come d’altronde sempre interviene) per fare il proprio dovere in un ennesimo disastro italiano".

Naufragio Concordia: Stato non paga Vigili del fuoco
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento