Toscana
stampa

Nomadi «sequestrate» a Follonica, don Capitani (Caritas Grosseto): «Gesto disumano»

A Follonica tre addetti di un supermercato hanno rinchiuso due donne nomadi in un gabbiotto e poi hanno postato su facebook un video con le loro urla disperate. La procura di Grosseto ha aperto un fascicolo per sequestro di persona. Sulla vicenda interviene il direttore della Caritas di Grosseto, don Enzo Capitani: «Chi ha condiviso e approvato il video ritrovi dignità».

Un fotogramma del video postato su facebook

Tre addetti di un supermercato di Follonica (Grosseto) sono indagati dalla Procura di Grosseto per sequestro di persona per aver rinchiuso due donne nomadi in un gabbiotto dove si trovano i cassonetti per la carta, e aver poi postato su facebook un video, ripreso con un telefonino, dove si vedono le due donne che urlano e chiedono disperatamente di essere liberate. I tre erano stati denunciati ai carabinieri ai quali le donne si sono rivolte dopo essere state liberate. Il video ha totalizzato in poche ore oltre 200 mila visualizzazioni. «Sgomento» per aver visto «due esseri umani messi alla gogna in modo tanto brutale» è stato espresso dal direttore della Caritas di Grosseto, don Enzo Capitani. Ecci il testo integrale della sua nota.

Aprendo i giornali e guardando, su facebook, il video delle due donne rinchiuse in un container in metallo fuori da un supermercato di Follonica, sono rimasto prima basito, poi profondamente addolorato.

Lo sgomento ha preso il sopravvento sulla meraviglia e lo stupore, perché vedere due esseri umani messi alla gogna in modo tanto brutale mi ha fatto sinceramente perdere fiducia nel progresso civile della nostra società.

Quelle grate sopra la testa di due donne mi hanno inevitabilmente richiamato alla mente “gesta” di altre epoche, di altri regimi e di fasi storiche in cui la dignità e il rispetto delle persone venne letteralmente annientato solo perché quelle persone appartenevano ad etnie o religioni che era stato deciso non dovessero più avere diritto di cittadinanza nel consesso umano.

Non si possono trovare giustificazioni ad un gesto di questo tipo: non si tratta, infatti, di uno scherzo più o meno pesante, non è una goliardata carnevalesca, né altro. E’ semplicemente un gesto oppressivo e discriminatorio.

Il nostro territorio non può essere ferito in questo modo dalla mancanza di rispetto verso coloro che non sono uguali a noi nelle loro caratteristiche etniche, linguistiche o fisiche. Al di là delle differenze, infatti, tutti quanti – istituzioni, forze politiche, Chiesa, singoli cristiani e cittadini – se vogliamo non smarrire definitivamente la speranza in questa umanità e conservare un minimo di pace, dobbiamo saper condannare con le parole e coi fatti gesti così. Gesti che denotano solo superficialità e assenza di consapevolezza.

Mi domando però, da uomo, oltre che da prete: se la nostra superficialità e la nostra non consapevolezza portano ad agire così verso altri esseri umani, vuol dire che l’umanità si sta avviando verso l’annientamento? Voglio pensare che questo sia solo un mio pensiero personale, perché poi mi guardo intorno e vedo che, accanto a chi compie gesti così, ci sono, grazie a Dio, persone che, invece, mettono a disposizione ciò che sono e che hanno per promuovere gesti di riconciliazione, consapevoli che l’umanità è ben più grande del nostro ‘piccolo mondo’ locale, ma anche del nostro Paese. Ormai i confini sono quelli dell’intero pianeta e siamo chiamati a convivere pacificamente, pena la distruzione della nostra umanità.

Altro non ho da offrire che questa povera riflessione, sperando che chi ha condiviso quel video o ha lasciato commenti di approvazione, rientri per un attimo in se stesso e si riscopra nella sua dignità di uomo uguale, nelle differenze, a ogni altro essere umano.

Don Enzo Capitani

In questi anni la Caritas diocesana di Grosseto ha fatto parte del tavolo per la promozione di progetti di integrazione di persone di etnia rom, sinti e per i camminanti e sul territorio ha sostenuto questi gruppi etnici con apposite iniziative, a partire percorsi di alfabetizzazione e anche di inserimento nel mondo del lavoro.

Nomadi «sequestrate» a Follonica, don Capitani (Caritas Grosseto): «Gesto disumano»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento