Toscana
stampa

Pisa, nelle case lanterne verdi per esprimere vicinanza ai migranti bloccati al confine fra Polonia e Bielorussia

Il Coordinamento pisano per la Rotta Balcanica rilancia l'impegno a sostegno delle persone in fuga da guerra e terrorismo respinti alle porte d'Europa. Dopo gli aiuti d'emergenza, al lavoro pure per il sostegno continuativo ad un progetto in loco in collaborazione con Caritas e Ipsia/Acli

Percorsi: Bielorussia - migranti - Polonia
Lanterne verdi

Una lanterna verde in ogni parrocchia, circolo, sede di associazione e nelle case di chiunque voglia esprimere vicinanza ai migranti bloccati al freddo e al gelo al confine fra Bielorussia e Polonia e anche sostegno «ai cittadini che abitano lungo quei confini e che hanno scelto di percorrere una strada diametralmente opposta a quella portata avanti dall'Ue e dalla quasi totalità dei Paesi dell'Unione accendendo una luce verde nelle loro case per segnalare ai migranti che lì dalla sera in poi sarà possibile trovare un aiuto d'emergenza». E' la proposta lanciata stamani (mercoledì 5 gennaio) dal Coordinamento pisano per la Rotta Balcanica, un cartello di 16 associazioni, organismi pastorali e realtà della società civile cittadina impegnati fin dal febbraio 2021 che condividono la finalità di tenere viva l'attenzione sui drammi che continuano a consumarsi lungo le direttrici migratorie percorse da persone in fuga da guerre e terrorismo e che non riescono ad entrare in Europa perché continuamente respinte ai confini. «Chiediamo di farlo non per sentirsi più buoni nel periodo delle festività natalizie, ma quale segno simbolico di un impegno e di un'attenzione lunga tutto l'anno» hanno spiegato nel corso del momento pubblico convocato di fronte alla centralissima Chiesa di San Michele in Borgo per lanciare l'iniziativa e a cui sono state mostrate anche alcune delle lanterne realizzate dai bambini del campo rom di Coltano.

Una delle tante messe in campo dal Coordinamento che già dai prossimi giorni comincerà anche a bussare alle porte dei consigli comunali per chiedere l'approvazione una mozione che impegni sindaci e giunte comunali «a intraprendere percorsi di conoscenza verso i Balcani ed in particolare ad avviare percorsi di cooperazione ed amicizia con le comunità locali della Bosnia Erzegovina al fine di accompagnare il processo di integrazione europeo» ma anche e soprattutto «a promuovere momenti di dialogo e scambio rivolti agli enti locali della Bosnia Erzegovina in particolare nell’ambito dei servizi sociali, educativi e culturali, ad attivare percorsi di formazione, educazione e sensibilizzazione rivolti a studenti, nuove generazioni e cittadinanza nel loro complesso, a considerare ogni opportuna iniziativa per l’aiuto ai profughi e richiedenti asilo favorendo vie di ingresso legali e sicure verso l’Europa e a supportare la ricerca di forme di aiuto e di eventuale accoglienza di profughi nel nostro territorio; a cercare collaborazione con altri enti locali impegnati nel sostegno alla medesima causa al fine di creare una rete attiva sui territori e a dare seguito a quanto disposto nel documento ed a trasmetterlo al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro degli Esteri e a quello degli Interni, ai gruppi parlamentari nonché al Presidente della Regione e del Consiglio Regionale».

«Abbiamo predisposto una bozza di testo – ha spiegato Paolo Martinelli in rappresentanza del Coordinamento- e da oggi inizieremo a proporlo a tutte le assemblee chiedendo anche il sostegno dell'Anci».

Il tutto non disgiunto dall'impegno solidale concreto: «L'inverno scorso abbiamo promosso raccolte fondi per sopperire ad alcune delle necessità più urgenti quali legna per il riscaldamento, vestiario e generi alimentari, tutti acquistati in loco per venire incontro alle necessità della popolazione locale e rendere la vicinanza ai migranti meno pesante, grazie anche alla presenza in loco degli operatori e dei volontari di Caritas e Ipsia (Ong delle Acli)   - ha aggiunto Rita Lucchi, anch’essa membro del Coordinamento - e adesso stiamo valutando di sostenere uno specifico progetto su cui concentrare le nostre future iniziative»

Aderiscono al coordinamento: Acli Sede Provinciale di Pisa aps, Acli Toscane aps, Agesci Pisa, Azione Cattolica di Pisa, Bhalobasa odv, Caritas Pisa, Centro Studi iCappuccini. Acli Persone Comunità, Circolo Arci Il Fortino aps, Coordinamento Provinciale Libera Pisa, L’informazione Giovane, Movimento dei Focolari, Movimento Politico per l’Unità, Ora Legale odv, Ordine Francescano Secolare - Pisa Santa Croce, Salus,  Unità Migranti e numerosi cittadini. 

Fonte: Comunicato stampa
Pisa, nelle case lanterne verdi per esprimere vicinanza ai migranti bloccati al confine fra Polonia e Bielorussia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento