Toscana
stampa

Pistoia: Coldiretti, contrari a quella centrale in mezzo ai vivai

In un'area alle porte della città dovrebbe nascere una centrale elettrica. In questa zona sono tanti i giovani imprenditori agricoli ad operare. Riccardo Andreini, presidente Coldiretti: progetto inutile e donnoso, alcune aziende sicuramente non potranno più lavorare

Parole chiave: riccardo andreini (1), energia (94), coldiretti (103), gianfranco simoncini (15)

Coldiretti Pistoia replica alla Regione Toscana che, per bocca dell'assessore alle attività produttive lavoro e formazione Gianfranco Simoncini, ha affermato: «Ex Radicifil, il percorso di reindustrializzazione va avanti...». Dichiarazione seguita ad un incontro a cui hanno partecipato, oltre alla Regione, le organizzazioni sindacali, il sindaco di Pistoia Samuele Bertinelli e l'assessore allo sviluppo della Provincia di Pistoia Paolo Magnanensi.

Sull'area ex-Radicifil il gestore svizzero Repower vuole costruire una centrale elettrica. L'area è alle porte di Pistoia, in mezzo ai vivai pistoiesi, fiore all'occhiello dell'economia provinciale e regionale. Coldiretti ha fornito alla Regione tre studi curati da enti terzi che evidenziano l'inutilità e la dannosità del progetto (info su www.pistoia.coldiretti.it ).

«Nella zona coinvolta dalla costruzione dell'ipotizzata centrale e dalle opere accessorie (centralina di smistamento ed altro) - spiega il presidente di Coldiretti Pistoia Riccardo Andreini - sono tanti i giovani imprenditori agricoli ad operare, vivaisti in primis, che hanno beneficiato del premi di primo insediamento (fondi Psr). Alcune aziende sicuramente non potranno più operare, perché i propri terreni saranno occupati delle strutture della centrale».

«Invece di accertarsi scrupolosamente - continua il presidente - della qualità del lavoro svolto da pubblici funzionari pagati con i soldi dei cittadini per tutelarne la salute e l’ambiente in cui vivono, il Governo regionale, prima "normalizza" con trasferimenti mirati gli uffici dell’assessorato all’Ambiente, quindi rende nota, senza alcun pudore, la volontà, a prescindere, di permettere la realizzazione della Centrale. Non credo che in questa vicenda i nostri concittadini possano dichiararsi completamente garantiti».

«Speriamo almeno che a tutti i 90 lavoratori della Radicifil venga davvero garantito un sostegno al reddito alla fine della cassa integrazione e che possano quanto prima ritrovare il lavoro, anche gli 85 che molto probabilmente non potranno essere assunti da Repower. Perciò - conclude Andreini - restiamo in attesa di conoscere quali saranno “tutti gli strumenti utili a garantire la ripresa produttiva” che l’assessore Simoncini vorrà mettere in campo».

Pistoia: Coldiretti, contrari a quella centrale in mezzo ai vivai
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento