Toscana
stampa

Presentato il rapporto su Friendesk: il progetto europeo sviluppato da Fism Toscana contro la povertà educativa

Oltre 280 scuole dell’infanzia e 120 servizi alla prima infanzia della Toscana coinvolti, più di 150 famiglie supportate e quasi 100 educatori che hanno partecipato al corso. 

Percorsi: Fism - Toscana
Convegno Fism

Sono questi i numeri di “FRIENDESK – Foster Reception for Inclusive Educational Needs: Development of Educational Support for Kids”, il progetto finanziato da Erasmus plus, che si propone di ridurre l'esclusione sociale che colpisce la prima infanzia, attraverso l'implementazione di un innovativo modello ECEC (Early Childhood Education and Care), ed è il primo Erasmus + realizzato in Toscana che ha come obiettivo i bambini da 0 a 6 anni che vivono in contesti emarginati.

Questa attività vede impegnata la Fism – Federazione Italiana Scuole Materne della Regione Toscana, come capofila, e altri sette partner comunitari, fra cui l’Università degli Studi di Firenze – Dipartimento di Formazione, Lingue, Intercultura, Letterature e Psicologia (FORLILPSI),  e che pone al centro della propria azione i bambini e la lotta alla povertà educativa.

 

"L’obiettivo di questo progetto è quello di combattere povertà educativa 0-6. Ci troviamo, a livello europeo, in un contesto storico particolare ed è per questo che l’iniziativa, oggi, assume un valore simbolico maggiore” – afferma Leonardo Alessi, presidente FISM Toscana – “Se vogliamo che quello che sta accadendo poco distanti da noi non accada più, dobbiamo portare l’educazione al centro della società. Parlare di povertà educativa senza analizzare infatti il contesto ha poco senso. La radice della povertà educativa è nella incapacità di far propri dei valori. Il progetto si è basato su alcune azioni chiave: abbiamo voluto supportare le famiglie con uno sportello, ma ci siamo anche soffermati sulla formazione degli educatori, aiutandoli ad implementare la loro professionalità, decisiva per combattere la povertà educativa”.

 

Il progetto, approvato sul Bando Erasmus+ 2019 con il punteggio di 93/100 con  un finanziamento    pari a 362.715 euro e aggiudicato da FISM Toscana, è stato avviato nel 2019  e si concluderà nel mese di Agosto 2022. Durante il convegno di oggi, venerdì 17 giugno, tenutosi presso il Cenacolo delle Mantellate di Firenze, è stato presentato il resoconto delle attività di questi 3 anni, alla presenza, tra gli altri, di Leonardo Alessi, presidente FISM Toscana, Alessandra Nardini, Assessore all’istruzione della Regione Toscana, Ernesto Pellecchia, Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale della Toscana, Sara Funaro, Assessore all’istruzione del Comune di Firenze e Sara Pagliai, Coordinatrice Agenzia Nazionale Erasmus +

 

IL PROGETTO

Combattere, quindi, la “povertà educativa”, un fenomeno che può discendere da molteplici situazioni, legate principalmente al contesto familiare, con il rischio di processi di ereditarietà, a background migratori o a difficoltà economiche del nucleo familiare, intervenendo su queste fragilità per garantire una possibilità di sviluppo adeguato a bambini e bambine degli asili nido e delle scuole dell’infanzia coinvolte e un supporto adeguato alla comunità educante nel rispondere a queste difficoltà.

L’obiettivo primario è stato quello di creare e testare un sistema integrato, in cui gli insegnanti e gli esperti coinvolti nei sistemi ECEC (Early Childhood Education and Care) potessero lavorare insieme, per fornire alle famiglie dei bambini un servizio efficace ed inclusivo.

Per trovare risposte ai loro specifici bisogni, i bambini con le loro famiglie hanno potuto usufruire di una serie di servizi integrati, riuniti nell’ambito di uno “Sportello Famiglie”, secondo il modello hub&spokes (letteralmente “centro e raggi”, con un sistema che collega un hub centrale a più centri periferici diffusi sul territorio, ottimizzando le risposte e i flussi). In linea con i bisogni individuati, i servizi sono stati: consulenza, orientamento, accoglienza, mediazione linguistica, consulenza psicologica, confronto con il personale docente.

Obiettivi raggiunti:

1. un'analisi di contesto e benchmarking, focalizzato sulle migliori pratiche nei paesi europei partner sui principali motivi di esclusione sociale che colpiscono le famiglie con bambini di età compresa tra 0 e 6 anni;

2. un'attività transnazionale per insegnanti ed esperti che lavorano nell'ambito dei sistemi ECEC;

3. un periodo di sperimentazione del Modello Friendesk, consistente in uno spazio fisico presso L’Ist. Scolastico Scuole Pie Fiorentine e finalizzato a fornire ai genitori un supporto costante e un servizio di orientamento, in collegamento con i vari servizi del territorio.

4. una piattaforma Web integrata, utile per fornire contenuti di formazione agli esperti ECEC.

 

Il progetto si è posto l’obiettivo di cercare di coinvolgere i vari soggetti istituzionali, al fine di creare linee guida che migliorino il modo in cui affrontare la povertà infantile e l'esclusione sociale, attraverso misure come il sostegno alle famiglie, l’assistenza all'infanzia, la promozione di sistemi educativi per l’infanzia di qualità.

Fonte: Comunicato stampa
Presentato il rapporto su Friendesk: il progetto europeo sviluppato da Fism Toscana contro la povertà educativa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento