Toscana
stampa

Province: Upi Toscana, ricorso al Tar contro tagli governo

Nel 2013, secondo l'Upi regionale, alle attuali dieci Province della Toscana mancheranno oltre 25 milioni di euro solo per far fronte ai pagamenti delle spese essenziali ed inderogabili, quali il personale, i mutui, gli affitti e le utenze

Percorsi: Governo - Province - Toscana
Parole chiave: spending review (40), tar (75)

Province toscane al Tar contro i tagli del governo. Nel 2013, secondo l'Upi regionale, alle attuali dieci Province della Toscana mancheranno oltre 25 milioni di euro solo per far fronte ai pagamenti delle spese essenziali ed inderogabili, quali il personale, i mutui, gli affitti e le utenze.

«Di fronte - afferma il presidente dell'Upi Toscana Andrea Pieroni - al combinato disposto dei tagli operati dal Governo, assolutamente inaccettabili (1,2 miliardi su 9 a livello nazionale), e dei vincoli imposti dal Patto di stabilità, la prospettiva che si presenta alle Province per il 2013 e' assolutamente drammatica ed aggravata, per la Toscana, dal fatto che questi tagli sono calcolati anche sulle spese vincolate. Abbiamo quindi deciso di ricorrere al TAR contro il decreto che ha applicato i tagli. Com'è evidente stiamo tentando con tutti i mezzi di salvare i servizi per cui i cittadini pagano le tasse ed ai cui hanno diritto. Si tratta di impresa difficile se non impossibile a cui però ci dedicheremo con forza nonostante la precaria situazione provocata dal decreto di riordino delle Province».

Oggi a Palazzo Medici Riccardi, sede della Provincia di Firenze, Upi ha chiamato a raccolta i presidenti delle dieci Province toscane per un incontro con tutti i parlamentari eletti nella regione.     

Fonte: Asca
Province: Upi Toscana, ricorso al Tar contro tagli governo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento