Toscana
stampa

R.D.CONGO, MISSIONARI SAVERIANI: FALSE LE ACCUSE AI CONFRATELLI, «ORA LA VERITÀ»

Percorsi: Mondo
Parole chiave: r.d. congo (43), missioni (83), africa (788)

“Sconcerto” viene espresso dai missionari saveriani della Repubblica democratica del Congo in seguito ad un documento degli esperti dell'Onu, di cui si è avuto notizia la settimana scorsa, nel quale due missionari italiani (padre Piergiorgio Lanaro e padre Franco Bordignon) vengono accusati di essere finanziatori dei guerriglieri hutu. “Questo documento – precisano i missionari saveriani che operano in Congo, in un testo lunghissimo a difesa dei confratelli firmato a Bukavu il 29 novembre - di natura strettamente confidenziale e non destinato all'uso pubblico, - ‘strictly confidential, not for dissemination', come recita fin dalla sua prima pagina - inspiegabilmente è stato già messo nelle mani di tutti i mass media internazionali”, togliendo “alle legittime istanze la competenza della verifica di eventuali accuse per trasferirla alla pubblica piazza mediatica dove ogni accusato è già per se stesso colpevole”. I religiosi denunciano quindi “la sommarietà, l'imprecisione e quindi la falsità tendenziosa di questo rapporto e dell'interpretazione delle cosiddette prove apportate”.
I missionari saveriani che operano in Congo smentiscono punto dopo punto le varie accuse ai confratelli e gli inganni di cui sono stati vittima, anche tramite un “sedicente prete italo-americano” in merito ad aiuti finanziari ai ribelli. “Insomma, mettendo insieme le cose – affermano i missionari -, ci riteniamo autorizzati a concludere che gli esperti dell'Onu si sono fidati di e-mail ottenute in malo modo, senza verificarne l'esattezza del contenuto”. I missionari del Congo chiedono “che l'intervento di persone competenti e preoccupate della verità possa chiarire definitivamente la natura di tutte le accuse rivolte contro i nostri confratelli, in vista di ristabilirne l'onorabilità che questo rapporto pretende compromettere”. Anche perché, concludono, “tali accuse fantasiose possono mettere a rischio l'incolumità stessa dei confratelli accusati e non solo, oltre che condizionare la loro opera in favore dei più deboli. Non basta accusare chi da anni, senza nessun fine politico o interesse personale e a volte a rischio della sua stessa vita, cerca di sollevare con i poveri mezzi a disposizione l'enorme sofferenza di intere popolazioni del Congo, per coprire il fallimento della costosa missione dell'Onu con i suoi intrallazzi e alleanze”.
Sir

R.D.CONGO, MISSIONARI SAVERIANI: FALSE LE ACCUSE AI CONFRATELLI, «ORA LA VERITÀ»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento