Toscana
stampa

RUANDA, CASO SEROMBA: CONDANNATO A QUINDICI ANNI DI PRIGIONE SACERDOTE GIA' OSPITE DIOCESI DI FIRENZE

Percorsi: Mondo

È stato condannato a 15 anni di prigione il sacerdote ruandese Athanase Seromba, accusato di genocidio, istigazione al genocidio e crimini contro l'umanità di fronte al Tribunale penale internazionale per il Rwanda (Tpir) con sede ad Arusha (Tanzania): lo hanno detto alla MISNA fonti dello stesso Tpir contattate poco fa ad Arusha, precisando che padre Seromba è stato “dichiarato colpevole di genocidio e di sterminio” nell'istanza di primo grado aperta contro di lui nel 2004. La procura del Tpir aveva chiesto l'ergastolo per il sacerdote. Padre Seromba – che si è sempre proclamato innocente - è accusato del massacro di circa 2.000 fedeli tutsi che avevano cercato riparo nella sua chiesa a Nyange, nell'ovest del Rwanda, durante il genocidio del 1994. Secondo l'accusa il sacerdote ruandese avrebbe ordinato a un bulldozer di distruggere la chiesa. Lo scorso 28 marzo un testimone – l'autista dell'automezzo – aveva negato che fosse stato il sacerdote a dare l'indicazione di abbattere la chiesa; l'avvocato difensore di Seromba, Patrice Monthé, ha affermato che il religioso non aveva possibilità di prevenire né di fermare la strage all'interno dell'edificio sacro. Nei tre mesi del genocidio – durante il quale secondo stime diffuse furono uccise tra mezzo milione e 800.000 persone (937.000 invece secondo i conteggi dell'attuale governo di Kigali) – in diverse occasioni i civili cercarono riparo all'interno di chiese, dove in alcuni casi si sono verificati simili massacri.

Padre Seromba nel febbraio 2002 aveva lasciato l'arcidiocesi di Firenze, di cui era ospite dal 1997, e si era consegnato spontaneamente ai magistrati nominati dall'Onu e incaricati di indagare sul genocidio in Rwanda del 1994; si tratta della ventisettesima sentenze emesse finora dal Tpir, che ad oggi ha assolto solo 5 imputati. Altri due sacerdoti cattolici si trovano ancora in prigione ad Arusha: padre Emmanuel Rukundo, un ex cappellano militare sotto processo dal metà novembre, e padre Hormisdas Nsengimana, ex-direttore della prestigiosa scuola Christ Roi di Nyanza, nel sud del Paese.
Misna

RUANDA, CASO SEROMBA: CONDANNATO A QUINDICI ANNI DI PRIGIONE SACERDOTE GIA' OSPITE DIOCESI DI FIRENZE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento