Toscana
stampa

Riforma della Bonifica in Toscana: il territorio regionale a 6 Consorzi

Questi potranno operare in maniera omogenea e più efficace anche sui grandi fiumi (fino a oggi gestiti dalle Province) e sui torrenti di montagna (fino ad oggi in carico alle Comunità Montane)

Percorsi: Ambiente - Toscana
Parole chiave: consorzi bonifica (9)

La manutenzione dei corsi d’acqua della Toscana è stata interamente affidata dalla Regione ai Consorzi di Bonifica, che da 13 diventano 6. In pratica da 26 enti operanti nel settore della bonifica (fra Consorzi, ex Comunità Montane e Unioni dei Comuni) si passa ad affidare tutto il territorio regionale ai soli Consorzi di Bonifica. Cauta soddisfazione è stata espressa dall’Urbat (Unione regionale Consorzi di Bonifica e Irrigazione della Toscana) per il concreto avvio, dopo tante false partenze, della riforma del settore, approvata ieri dalla Giunta Regionale.

«Si conferma il principio fondamentale che la bonifica e la difesa del suolo si fanno in base ai bacini idrografici di riferimento come contenuto nell’intesa Stato-Regioni del 2008 – spiega il presidente Urbat, Fortunato Angelini - senza inutili e dannosi passaggi burocratici derivanti dai confini amministrativi. La Regione premia l’attività dei Consorzi di Bonifica, che dal ’94 a oggi hanno rimesso in sesto migliaia e migliaia di chilometri di corsi d’acqua e centinaia di opere. Con la riforma, infatti, tutto il territorio regionale sarà affidato a Consorzi di Bonifica, benchè ridotti da 13 a 6. Questi potranno operare in maniera omogenea e più efficace anche sui grandi fiumi (fino a oggi gestiti dalle Province) e sui torrenti di montagna (fino ad oggi in carico alle Comunità Montane)».

Fonte: Comunicato stampa
Riforma della Bonifica in Toscana: il territorio regionale a 6 Consorzi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento