Toscana
stampa

STRAGI NAZISTE, LA REGIONE TOSCANA PARTE CIVILE NEI NUOVI PROCESSI PER I CRIMINI DELL'AGOSTO 1944

Percorsi: Regione
Parole chiave: stragi naziste (47)

La Regione Toscana si è costituita parte civile nel processo contro nove cittadini tedeschi accusati di varie azione criminali commesse nell'agosto 1944 in Toscana, allorché combatterono in Italia con la divisa delle SS. È quanto ha reso noto il vicepresidente della Regione Toscana, firmando oggi l'atto di costituzione con cui, tra l'altro, viene nominato il procuratore speciale che rappresenterà la Regione nella sede giudiziaria competente, ovvero il Tribunale militare di La Spezia, dove si sono già celebrati altri processi importanti sulle stragi naziste che insanguinarono la Toscana. Questa volta il procedimento riguarda in particolare gli eccidi avvenuti in provincia di Massa Carrara tra il 19 e il 27 agosto 1944, in varie località quali Bardine San Terenzo, San Terenzo Monti, Tendolo, Valla, Gragnola, Monzone, E! qui Terme, Tenerano, Gallogna, Viano, Cecina, Vezzanello, Cors! ano, Gua dine, Vinca. Tutte e nove gli imputati sono stati rinviati a giudizio per “concorso in violenza con omicidio contro privati nemici”. All'epoca dei fatti erano tutti militari delle SS, appartenenti alla sedicesima Divisione Granatieri Corazzata e al sedicesimo Reparto Ricognitori Corazzati, corpi che nell'estate 1944 si macchiarono di delitti particolarmente efferati, compreso il massacro di Sant'Anna. Oggi sono persone di età compresa tra gli 83 e gli 88 anni, residenti in varie città della Germania, a parte una che da molto tempo risiede in Australia.

STRAGI NAZISTE, LA REGIONE TOSCANA PARTE CIVILE NEI NUOVI PROCESSI PER I CRIMINI DELL'AGOSTO 1944
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento