Toscana
stampa

Solidarietà, morto a Firenze Paolo Coccheri fondatore delle Ronde della carità

E' morto ieri, in una casa di cura a Firenze, Paolo Coccheri, 85 anni, fondatore nel 1993 delle Ronde della carità e della solidarietà, associazione che si occupa di aiutare i senza fissa dimora. 

Paolo Coccheri

Coccheri nella sua vita è stato insegnante di educazione fisica ma pure attore, regista e teorico del teatro, per anni assistente di Orazio Costa. A Firenze fondò il Laboratorio dell'attore e, nel 1980, il Festival internazionale dell'attore a Montalcino. Alla fine degli anni Settanta, la svolta.

"Vidi in una libreria un libro di Giorgio La Pira - diceva in un'intervista di alcuni anni fa -, intitolato 'Le cose viste e ascoltate'. Scoprii in quel volume che La Pira era andato sulle strade a raccogliere poveracci e li aveva portati nella chiesa di San Procolo, dove si celebrava la 'messa del povero'. Capii allora che cosa avrei fatto. Cominciai a frequentare la messa e, dopo essermi messo in contatto con Fioretta Mazzei, la segretaria di La Pira, cominciai con un thermos a girare per le strade. Avevo visto le suore di Santa Teresa di Calcutta distribuire la cena ai diseredati, mi dissi: 'noi daremo loro la colazione'".

Nacquero in questo modo le Ronde della carità, esperienza che si diffonde poi in decine di città. Accanto alle Ronde, Coccheri ha dato vita poi ad altre associazioni: i Cacciatori di briciole, che la sera raccolgono brioches e paste avanzate nei bar per poi distribuirle ai clochard; gli Angeli della città, gruppi di persone che agiscono per difendere i cittadini dalla microcriminalità; gli Angeli costruttori, che aiutano gli anziani nei piccoli lavoretti di casa.

Fonte: Ansa
Comunicato stampa
Solidarietà, morto a Firenze Paolo Coccheri fondatore delle Ronde della carità
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento