Toscana
stampa

TERREMOTO HAITI: CARITAS, AIUTI A 3.000 FAMIGLIE, PROSSIME SETTIMANE A 100.000 PERSONE

Percorsi: Mondo
Parole chiave: haiti (80), terremoti (429), caritas (569)

“La maggior parte delle chiese, come le abitazioni, risultano danneggiate o distrutte. Ci sono ancora troppi cadaveri nelle strade ed è forte il rischio di epidemie. Acqua, tende, prodotti per l'igiene e aiuti alimentari sono tuttora le necessità più urgenti”. Lo dice Fausta Jean Maurice, coordinatrice dei programmi di Caritas Haiti, a Caritas italiana, descrivendo una situazione ancora caotica e difficoltà negli spostamenti. Caritas ha distribuito kit da cucina e per l'igiene, disinfettanti e materassi, acqua potabile per 3.000 famiglie. Per le prossime 2-4 settimane si prevede di raggiungere 100.000 persone. Oltre che a Port-au-Prince, si sta intervenendo a Petit Goyave e a Leogane, distrutta all'85%. Nei centri Caritas della Repubblica Domenicana sono stati preparati kit di aiuti alimentari, mentre un team di medici con 100 tonnellate di attrezzature sanitarie è in arrivo dal Sud Africa. “Come dimostrano le precedenti emergenze – spiega mons. Vittorio Nozza, direttore della Caritas italiana – oltre a prodigarci nell'immediato, il nostro è un impegno di lungo periodo. L'obiettivo è partire dagli ultimi, ossia da chi rimane ai margini degli aiuti e dei riflettori internazionali e da chi resta solo una volta che questi si spengono”. Per sostenere queste iniziative la Chiesa italiana ha indetto per domenica 24 gennaio una raccolta straordinaria in tutte le parrocchie.
Sir

TERREMOTO HAITI: CARITAS, AIUTI A 3.000 FAMIGLIE, PROSSIME SETTIMANE A 100.000 PERSONE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento