Toscana
stampa

TERREMOTO IN CINA, UNIONE BUDDHISTA ITALIANA: ALMENO 20 MILA I MORTI

Percorsi: Mondo
Parole chiave: cina (91), terremoti (429)

L'Unione buddhista italiana esprime “la più viva preoccupazione” per la drammatica situazione in cui versa la popolazione dello Qinghay, colpita dal terremoto del 14 aprile scorso. “Notizie di stampa – scrivono in una nota diffusa oggi -, confermate da nostre fonti all'interno della locale comunità monastica tibetana, parlano di circa 20.000 morti, abitazioni, scuole, monasteri e antichissimi luoghi sacri crollati o pericolanti, di villaggi che, dopo due settimane dal sisma, non hanno ancora ricevuto alcun aiuto e, in generale, di una popolazione lasciata in balìa del gelo e della fame”. Secondo l'Ubi “le autorità cinesi stanno minimizzando la portata del disastro, impediscono il libero accesso ai mezzi di informazione, alle agenzie internazionali di soccorso e ostacolano i monaci, parte integrante del tessuto sociale, nel recare aiuto alla popolazione”. L'Ubi “stigmatizza l'inconcepibile atteggiamento delle autorità cinesi” e invita “le iitaliane, le organizzazioni umanitarie e tutti coloro che hanno a cuore i diritti civili, a fare pressioni sul governo della Repubblica Popolare Cinese affinché cessino immediatamente le azioni di ostacolo agli interventi umanitari internazionali, lasciando libero accesso ai mezzi di informazione”.
Sir

TERREMOTO IN CINA, UNIONE BUDDHISTA ITALIANA: ALMENO 20 MILA I MORTI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento