Toscana
stampa

Ucraina: Grosseto; primi profughi già arrivati, la diocesi invita a segnalare disponibilità alloggi

I punti di raccolta di beni di prima necessità raddoppiano, domani partirà un primo carico. Aperto anche un conto corrente

Ucraina: Grosseto; primi profughi già arrivati, la diocesi invita a segnalare disponibilità alloggi

A Grosseto sono già arrivati i primi profughi provenienti dall’Ucraina e altri lo saranno accolti nelle prossime ore. Lo dice un comunicato della Diocesi che, in accordo con la prefettura si è già mobilitata.

“Molti – dice il vicario generale della Diocesi, don Paolo Gentili – ci chiedono come aiutare questi fratelli che arrivano. Chi può aprire la propria casa o un altro alloggio a sua disposizione può segnalare la propria disponibilità a info@diocesidigrosseto.it indicando i propri dati, un recapito telefonico e possibilmente un sacerdote di propria conoscenza. Il direttore di Caritas diocesana, don Enzo Capitani, farà da riferimento per l'accoglienza. Chi non ha questa possibilità può comunque contribuire con un'offerta economica. E' stato predisposto un conto dedicato, gestito dalla Diocesi: iban IT93R0503414302000000007325; causale: pro Ucraina. Quanto sarà versato in questo conto servirà esclusivamente per gestire l'accoglienza dei fratelli ucraini che arrivano tra noi. Naturalmente ci muoviamo in accordo con i sindaci e Prefettura”.

Intanto la mobilitazione per aiutare la popolazione ucraina, partita domenica durante il presidio in piazza Duomo, ha trovato un'immediata, generosa risposta da parte dei maremmani. Già nella mattinata di lunedì i locali della parrocchia dell'Addolorata, individuata come primo centro di raccolta diocesano, si sono riempiti di generi alimentari, vestiti, coperte. Nel contempo è stato aperto un secondo centro di raccolta presso la parrocchia Madre Teresa di Calcutta, nel quartiere Cittadella, dove è possibile portare quanto si può donare. “In questo momento – dice don Vitaliy Perih, cappellano degli ucraini greco-cattolici della provincia di Grosseto – ciò di cui c'è maggiormente bisogno sono medicinali da banco: antidolorifici, antipiretici, garze, disinfettanti, cerotti. E poi pannolini per i neonati. Grazie per quanto già la Maremma sta facendo e farà”. Già domani, partiranno per Roma i primi mezzi carichi di quanto donato. Da lì, poi, tutto sarà trasportato ai confini con l'Ucraina, dove si trovano tante donne con bambini in fuga.

Anche Castiglione della Pescaia si sta mobilitando per gli aiuti. I punti dove consegnare generi a lunga conservazione, vestiti, coperte, prodotti per l'igiene e per i bambini sono il magazzino comunale, lungo la provinciale Castiglionese, aperto dal lunedì al venerdì dalle 7.00 alle 13.00 e il martedì e giovedì fino alle 17.00; il comitato della Croce Rossa Italiana in piazza Orsini. Presso la Farmacia Comunale di Castiglione della Pescaia è anche possibile acquistare medicinali da banco scontati del 10%.

Fonte: Tog
Comunicato stampa
Ucraina: Grosseto; primi profughi già arrivati, la diocesi invita a segnalare disponibilità alloggi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento