Toscana
stampa

Dal n. 31 dell'8 settembre 2002

Un anno contro terremoti e alluvioni

La Toscana investe sulla Protezione civile. E lo fa con una proposta rivolta giovani. Dodici mesi in Protezione civile per 430 euro lordi al mese, l'opportunità di uno stage di un mese all'estero e la possibilità di acquisire «crediti» da spendere poi nel mondo del lavoro. È quanto offre come servizio civile volontario la Regione a venti ragazze o ragazzi esenti dagli obblighi di leva tra i 18 e i 26 anni attraverso un progetto sperimentale primo ed unico in Italia.

Un anno contro terremoti e alluvioni

La Toscana investe sulla Protezione civile. E lo fa con una proposta rivolta giovani. Dodici mesi in Protezione civile per 430 euro lordi al mese, l'opportunità di uno stage di un mese all'estero e la possibilità di acquisire «crediti» da spendere poi nel mondo del lavoro. È quanto offre come servizio civile volontario la Regione a venti ragazze o ragazzi esenti dagli obblighi di leva tra i 18 e i 26 anni attraverso un progetto sperimentale primo ed unico in Italia. Lo stessa esperienza potrà essere fatta anche da venti obiettori di coscienza. La paga sarà però quella dei militari di leva – poco più di 3 euro netti al giorno – e dovranno rivolgersi all'Ufficio regionale per il Servizio civile.

«Vogliamo preparare persone che siano motivate ed esperte, capaci di dare una mano e portare una solidarietà efficiente quando purtroppo accadono calamità naturali o quando comunque è necessario l'intervento della Protezione civile», spiega il vice presidente ed assessore alle politiche sociali della Toscana, Angelo Passaleva. «Il nostro progetto – continua – è, in parole povere, un corso di formazione. Ci saranno lezioni teoriche, che si svolgeranno a Sesto Fiorentino, ed attività pratiche presso gli enti coinvolti: a Firenze e in altre città della Toscana, a rotazione, con la possibilità di osservare realtà diverse ed acquisire quindi più esperienze».

«Alla fine poi, superando un esame teorico e pratico, – aggiunge Passaleva – ci sarà per tutti i partecipanti risultati idonei un attestato che potranno inserire nel loro curriculum. Anche per questo abbiamo scelto come slogan di questa iniziativa “datti una mano”: frequentare questo corso significa infatti acquisire “crediti” potenzialmente utili anche nel futuro, un po' come sempre accade nel mondo del volontariato dove dare una mano agli altri significa anche dare una mano a se stessi».

I corsi partiranno a novembre. Le lezioni teoriche si svolgeranno nelle aule del Polo dell'Università di Firenze a Sesto Fiorentino. L'esperienza sul campo sarà svolta negli uffici della Protezione civile della Regione, ma anche nei Comuni di Firenze, Fiesole, Sesto Fiorentino, Empoli e Borgo San Lorenzo, che hanno aderito all'iniziativa, presso le sezioni della Pubblica assistenza dell'Anpas e presso le Misericordie, presso l'Arci Protezione civile, la Prefettura e la Provincia di Firenze. L'impegno settimanale per i giovani volontari sarà di 25 ore.

Chi lo vorrà e avrà i requisiti necessari – primo fra tutti una buona conoscenza di una lingua straniera – avrà anche la possibilità di trascorrere un mese all'estero e verificare di persona come altrove, nell'Unione europea, si fa Protezione Civile. «Spero che questa esperienza nuova che quaranta giovani toscani potranno vivere possa essere esportata anche in altre regioni – conclude Passaleva –. È un modo per unire solidarietà e formazione ed un forte incentivo per quando il servizio civile diventerà solo volontario».
S. P.

Le materie di studio e gli scopi del progetto

Il progetto sperimentale della Regione Toscana, che prevede l'inserimento di quaranta giovani per un anno nelle fila della Protezione Civile (venti volontari e venti obiettori di coscienza), è il frutto di un protocollo d'intesa con l'Ufficio Nazionale Servizio Civile e il Dipartimento di Protezione Civile presso la Presidenza del Consiglio firmato a Firenze lo scorso 8 luglio.

I ragazzi studieranno le leggi sulla protezione civile, gli aspetti scientifici dei principali rischi esistenti, i linguaggi operativi, elementi di meteorologia, pianificazione e telecomunicazioni. Impareranno a redarre un piano, a prestare il primo soccorso ed organizzare i mezzi logistici oltre a qualche elemento di psicologia di massa. Sono previsti stage a Cardoso, Serravezza, Empoli, Firenzuola e Castelfocognano, in Garfagnana e nel Mugello e pure una visita della sala operativa romana del dipartimento di protezione civile.

Per chi risiede fuori Firenze saranno assicurati aiuti e forme di compartecipazione per le spese sostenute per il vitto, l'alloggio e i viaggi durante tutto il periodo del corso.

Il servizio civile è oggi obbligatorio, in sostituzione della leva militare. Gli ultimi a partire saranno i nati nel 1985 e potranno essere chiamati fino al 2007. Dopo quella data il servizio civile sarà volontario. La Regione Toscana ha pensato a questo progetto, primo ed unico in Italia, proprio perché per i giovani e le giovani che decideranno di continuare a svolgerlo possa costituire un'esperienza di grande rilievo, umano e professionale.

Come fare la domanda

TERMINI
Per presentare domanda rimangono pochi giorni – il termine scade lunedì 16 settembre – ma gli adempimenti da effettuare sono davvero semplici.
BANDO E SCHEDA
Bando e scheda d'iscrizione possono essere ritirati all'Ufficio relazioni con il pubblico della Regione Toscana, in via Novoli 26 dove c'è anche la sede regionale dell'Ufficio nazionale per il servizio civile.
NUMERO VERDE
C'è anche un numero verde per chiedere informazioni: 800/860070.
DAL WEB
È possibile inoltre scaricare l'intera documentazione anche dal web, collegandosi all'indirizzo www.rete.toscana.it/sett/polsoc/serviziocivile.

Un anno contro terremoti e alluvioni
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento