Toscana
stampa

«Una pace duratura fra palestinesi e israeliani»: l'appello della Scuola fiorentina di Dialogo interreligioso

Un invito "a praticare con coraggio la via del dialogo e rispetto dei diritti per la ricerca di una pace duratura fra palestinesi e israeliani". È l'appello che viene dalla  “Scuola fiorentina di alta formazione per il dialogo interreligioso e interculturale”, firmato dai componenti della Presidenza: Don Alessandro Clemenzia, Rav Joseph Levi, Imam Izzeddin Elzir. Ecco, di seguito, il testo integrale del messaggio.

logo scuola dialogo

Appello per la pace della Florence School of Dialogue

Il mondo è di nuovo testimone di scontri in Israele e Palestina, una situazione di continua escalation di violenze e combattimenti che crea vittime innocenti e preoccupa fortemente il mondo intero. In questo ripetuto clima di tensione, guerra e bombardamenti, la Scuola Fiorentina per l’Educazione al Dialogo Interreligioso e Interculturale invita tutti i leader e le parti in campo a praticare con coraggio la via del dialogo e rispetto dei diritti per la ricerca di una pace duratura fra palestinesi e israeliani. Convinti che questo conflitto non sia di natura religiosa ma di netto carattere politico, queste forti violenze sulla popolazione civile devono spingere ogni persona a fare uno sforzo per promuovere la pace, attraverso il dialogo e l’incontro.Ribadiamo con convinzione quanto scritto, affermato più volte negli ultimi anni fra i massimi rappresentanti delle tre religioni monoteiste. È nel dialogo e nel confronto con il prossimo, nella pratica di una pacifica vicinanza, nella conoscenza delle paure e speranze dell’altro, il punto di svolta che ci permette di sconfiggere la violenza e di salvaguardare la sacralità della vita umana. Questi tragici eventi ci chiamano a intensificare i nostri sforzi per insegnare a noi stessi e alle generazioni future non più la logica della guerra ma l’arte del rispetto e dell’ascolto della sofferenza dell'altro, l’eroismo della non violenza e l’amore per l'immagine divina presente in ogni vita umana, partendo dalla gratitudine per Colui che ce l’ha offerta.Ebrei, musulmani, cristiani e cittadini di ogni fede devono sforzarsi per lavorare insieme nella promozione della pace, dei diritti e della fratellanza. Solo l'ascolto e il dialogo permetterà di cambiare strada e lavorare insieme, gente di fede e non, per la vita e la prosperità di tutti, come ci insegnano i comuni testi sacri: "Ama il tuo prossimo come te stesso".Don Alessandro ClemenziaRav Joseph LeviImam Izzeddin Elzir

«Una pace duratura fra palestinesi e israeliani»: l'appello della Scuola fiorentina di Dialogo interreligioso
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento