Toscana
stampa

Edizione on line

Unione, vittoria sofferta

La Camera all'Unione, con una solida maggioranza (348 a 281), il Senato agguantato solo grazie al voto all'estero (158 a 156). Questo il verdetto delle politiche 2006, frutto di una legge elettorale, varata negli ultimi mesi dalla Cdl, che avrebbe dovuto assegnare i seggi proporzionalmente al peso dei singoli partiti, ma che alla fine determina una vittoria di 63 seggi (340, contro 277) solo per il voto di 25.224 italiani. In Toscana, com'era prevedibile, la vittoria dell'Unione è stata netta sia al Senato che alla Camera.
TOSCANA SENATO | TOSCANA CAMERA
E ora Prodi provi a governare

Unione, vittoria sofferta

Assegnati i seggi allì'estero
Dopo l'assegnazione dei seggi degli italiani all'estero l'Unione ottiene una stretta maggioranza anche al Senato. Dei sei senatori, infatti se ne aggiudica 4 (la lista dell'Unione ha avuto il 43,9%). Uno va a Forza Italia (21,0) e uno all'Associazione Italiana Sud America (9,6%), che non si riconosce nei due schieramenti. In virtù di questi risultati, l'Unione raggiunge quota 158, contro i 156 della Cdl. A questi 315 seggi vanno poi aggiunti i senatori a vita.

I dodici deputati della circoscrizione estero sono stati così assegnati: 6 all'Unione (43,2%), 3 a Forza Italia (20,7%), e uno ciascuno a Associazione Italiani del Sud America (10,5%), Per l'Italia nel mondo (7,5%), Di Pietro-It. Valori (2,8%). Alla Camera i rapporti di forza sono dunque questi: l'Unione può contare su 348 seggi e la Cdl su 281; un deputato è indipendente (Ass. Italiani Sud America).

Un sostanziale pareggio
La Camera all'Unione, con una solida maggioranza (341 seggi, con quello uninominale della Val d'Aosta), il Senato alla Cdl per un seggio. Questo il verdetto delle politiche 2006, in attesa di conoscere l'attribuzione dei seggi degli italiani all'estero. A Montecitorio (12 seggi) non sposteranno i rapporti di forza, ma al Senato (sei seggi) potrebbero essere decisivi (assieme al voto dei senatori a vita) per dare una maggioranza stringatissima a Romano Prodi.

Questo è il frutto di una legge elettorale, varata negli ultimi mesi dalla Cdl, che avrebbe dovuto assegnare i seggi proporzionalmente al peso dei singoli partiti, ma che alla fine determina una vittoria di 63 seggi (340, contro 277) solo per il voto di 25.224 italiani. L'Unione infatti ha ottenuto alla Camera 19.001.684 preferenze col 49,805% dei voti contro le 18.976.460 (49,739%) della CdL. Una vittoria arrivata sul filo di lana, dopo la doccia scozzese degli exit poll prima, che avevano dato sempre nettamente in testa l'Unione, e delle proiezioni dopo, che viceversa decretavano fin quasi all'ultimo la vittoria della Cdl. Altro esito di questa legge è la possibile doppia maggioranza tra Camera e Senato, che non favorisce certo la stabilità del governo.

In Toscana, com'era prevedibile, la vittoria dell'Unione è stata netta sia al Senato che alla Camera. Alla Camera ha ottenuto 1.546.592 voti (61,74%, 25 seggi) con l'Ulivo largamente primo partito (43,26%, 18 seggi) e Rifondazione comunista all'8,2% (3 seggi). Prendono un seggio ciascuno anche Comunisti italiani (3,44%), La Rosa nel Pugno (2,4), i Verdi (1,76) e la lista Di Pietro (1,45). La Cdl ha avuto invece 958.105 voti (38,25%, 13 seggi) con Forza Italia al 16,93 (6 seggi), seguita da An al 12,57 (4 seggi) e dall'Udc al 5,89 (2 seggi). Si aggiudica un seggio anche Dc-Nuovo Psi pur con lo 0,69%, grazie alla ripartizione nazionale.

Complessivamente non molto diversi i risultati al Senato, con l'Unione che ha avuto 1.423.944 voti (61,29%), e la Cdl 899.379 (38,71%. Salta agli occhi però come Ds (29,83%, 6 seggi) e Margherita (9,03, 2 seggi), che qui si presentavano con liste proprie, abbiano avuto circa sei punti in meno dell'Ulivo alla Camera, a tutto vantaggio di Rifondazione Comunista (11,11%, 2 seggi) e di Insieme per l'Unione (verdi e comunisti italiani, 4,92%, 1 seggio). Nella Cdl, Forza Italia, che ottiene 3 seggi, ha avuto il 17,33%, seguita da An (12,67, 3 seggi) e dall'Udc (6,02, 1 seggio)

L'altalena dei risultati, rimasti incertissimi fino a tarda notte, con Unione e Cdl a contendersi il premio di maggioranza al Senato in Piemonte, Lazio e Campania e con la Camera in sostanziale parità, ha fatto rimandare la festa dell'Unione in piazza SS. Apostoli a Roma, dove nel primo pomeriggio, dopo i favorevoli exit poll, sembrava tutto pronto per celebrare una grande vittoria. Solo alle 2,52 Piero Fassino ha dato l'annuncio dalla sala stampa dei Ds: «I dati ormai quasi completati ci dicono che il centrosinistra ha vinto le elezioni», dando così inizio alla festa. Poco dopo sul palco è salito Romano Prodi, che ha annunciato anche lui: «abbiamo vinto».

«Da oggi - ha detto Prodi alle tre di notte dal palco di piazza Santi Apostoli - si volta pagina. Alla fine la vittoria è arrivata. Avevano fatto una legge per farci perdere ma abbiamo vinto lo stesso. Bisogna cominciare a lavorare per unificare questo paese. Ora dobbiamo mettere la massima attenzione per cambiare l'Italia. Dobbiamo ricominciare a crescere. Non si possono più tollerare le divisioni che hanno spaccato il paese».

La Cdl unita contesta però il risultato e chiede che ci sia una «scrupolosa verifica del conteggio e dei verbali». Per Paolo Bonaiuti, portavoce del premier Berlusconi, si parla di «mezzo milioni di voti annullati». «Quindi mi pare - sostiene Bonaiuti - che la questione sia ancora complessa: e questo riapre il discorso anche per l'attribuzione della vittoria del centrosinistra alla Camera».
La tabella con i risultati al Senato in Toscana
TOSCANA CAMERA - La tabella con i risultati definitivi

E ora Prodi provi a governare

Unione, vittoria sofferta
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento