Toscana
stampa

Volontariato: Misericordie fiorentine, prima esercitazione collettiva sul rischio idrogeologico

Otto Misericordie, 75 volontari, 20 mezzi coinvolti. Sono i numeri della prima esercitazione collettiva organizzata dal Coordinamento delle Misericordie Fiorentine sul rischio idrogeologico. 

Coordinamento delle Misericordie fiorentine

L’esercitazione con le idrovore si è svolta in collaborazione con i tecnici della Regione Toscana e del Genio civile Valdarno Superiore, sabato 6 novembre, lungo le rive dell’Arno nei pressi di Ponte alla Vittoria a Firenze, al termine di una settimana dedicata a livello nazionale alla sensibilizzazione sul rischio idrogeologico: è stata la prima che ha coinvolto più Misericordie (Firenze, Rifredi, Lastra a Signa, Impruneta, Mercatale Val di Pesa, Pontassieve, San Mauro a Signa, Campi Bisenzio) con l’obiettivo di testare le attrezzature presenti ma soprattutto di rafforzare lo spirito di squadra dei confratelli.

“Esercitazioni di questo tipo vengono fatte regolarmente dalle singole Misericordie, ma abbiamo voluto organizzarne una a livello territoriale per incentivare la conoscenza, il confronto, la collaborazione tra confratelli” spiegano Maurizio Geroni, responsabile operativo Area emergenze, e Paolo Pineti, responsabile Area emergenze del Coordinamento delle Misericordie Fiorentine. “Anche per il futuro abbiamo intenzione di intensificare le esercitazioni che coinvolgono più Misericordie, anche in altri campi di intervento, per rafforzare quello spirito di gruppo che fa parte del Dna dei confratelli e risulta determinante nell’affrontare le emergenze”.

Fonte: Sir
Volontariato: Misericordie fiorentine, prima esercitazione collettiva sul rischio idrogeologico
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento