Vita Chiesa

Vita Chiesa stampa

Sabato 23 e domenica 24 maggio sono state celebrate, anche nella Diocesi di Lucca, le prime messe festive con il popolo, dopo il blocco causato dalla pandemia. Da lunedì 18 maggio, a seguito della firma del protocollo tra Cei e Governo, erano iniziate già le messe feriali con la presenza di fedeli. 

“Ricorre oggi la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, dedicata quest’anno al tema della narrazione. Possa questo evento incoraggiarci a raccontare e condividere storie costruttive, che ci aiutano a comprendere che siamo tutti parte di una storia più grande di noi e possiamo guardare con speranza al futuro, se ci prendiamo davvero cura come fratelli gli uni degli altri”. Lo ha ricordato il Papa dopo la recita del Regina Cœli

Domani, domenica 24 maggio, sarà l’ultimo giorno di permanenza a Bologna dell’Immagine della Madonna di San Luca. Alle 10.30, l’arcivescovo, il card. Matteo Zuppi, celebrerà la messa in cattedrale, a porte chiuse, alla quale saranno invitati i familiari dei morti, nei mesi scorsi, a causa del Covid-19, nella giornata dedicata alla preghiera per i defunti e i loro familiari.

Non capita tutti i giorni di faticare «gomito a gomito» con un vescovo nello smistamento e nella consegna dei pacchi alimentari a persone e famiglie messe in ginocchio dall’attuale contingenza sociosanitaria. È successo ai ragazzi della «Caritas young» di Ponsacco, in provincia di Pisa, che nei giorni scorsi si sono visti arrivare monsignor Andrea Migliavacca, vescovo di San Miniato, a dar loro manforte in questo prezioso e delicato servizio alla comunità. 

Una diretta streaming internazionale di 8 ore, con inizio alle 10, visibile in contemporanea su Facebook, YouTube e il sito istituzionale . Così oggi il monastero di Santa Rita, a Cascia, sta festeggiando un 22 maggio che segnerà la storia, visto che vedrà la prima Festa di Santa Rita in versione virtuale, a causa delle misure restrittive imposte dal coronavirus che consentono la presenza di fedeli in numero prestabilito.

Da domenica 24 maggio (ore 21.30) al via il gioco ideato dalla parrocchia di S.Lucia a cui si affianca il servizio diocesano di pastorale giovanile. 5 squadre si “sfidano” a suon di video su alcuni temi proposti, gli spettatori potranno votare da casa, ma il voto del vescovo Rodolfo “potrà confermare o ribaltare il risultato”