Vita Chiesa

Vita Chiesa stampa

La Caritas diocesana di Arezzo-Cortona-Sansepolcro è oggi «una realtà ben consolidata», «impegnata a diffondersi ulteriormente per intercettare i bisogni sempre più crescenti delle persone e per animare alla testimonianza della carità l'intera comunità», come ha sottolineato il documento finale del Sinodo, consegnato dal segretario generale del Sinodo, Massimo Rossi, al vescovo Riccardo Fontana.

«Una nuova presenza di cattolici in politica è necessaria in America Latina», ha auspicato stamani il Papa, ricevendo in udienza, nella Sala del Concistoro del Palazzo apostolico vaticano, un Gruppo della Pontificia Commissione per l'America Latina, a conclusione del seminario intensivo di formazione tenutosi in Vaticano. Ma ha anche aggiunto che è meglio una «polifonia ispirata» alla fede che un «partito cattolico».

«Posso confermare che la lettera della famiglia di Emanuela Orlandi è stata ricevuta dal cardinale Pietro Parolin e che verranno ora studiate le richieste rivolte nella lettera». Lo ha dichiarato Alessandro Gisotti, direttore «ad interim» della Sala Stampa della Santa Sede, rispondendo alle domande dei giornalisti. 

«Non sapremo mai con esattezza cosa è emerso 800 anni fa tra un cristiano ed un musulmano, un monaco e un sultano, Francesco d'Assisi e Al-Malik al-Kamel. Quello che sappiamo però è che l'intera traiettoria della storia umana è stata interrotta per un breve momento». Lo ha detto fr. Michael Perry, Ministro generale dei frati minori, nel saluto rivolto al card. Sandri ieri pomeriggio nella chiesa di S. Giuseppe al Cairo, in occasione dell'VIII centenario dell'incontro tra s. Francesco e il Sultano.

«Ho deciso che l'apertura degli Archivi Vaticani per il Pontificato di Pio XII avverrà il 2 marzo 2020, a un anno esatto di distanza dall'ottantesimo anniversario dell'elezione al Soglio di Pietro di Eugenio Pacelli». Lo ha annunciato oggi Papa Francesco, ricevendo in udienza, nella Sala Clementina del palazzo apostolico vaticano, gli officiali dell'Archivio Segreto Vaticano.

Ieri pomeriggio il Papa ha incontrato nella parrocchia di San Crispino da Viterbo, i bambini che si preparano alla Comunione e alla Cresima, i ragazzi del dopo-Cresima e dell'oratorio, i genitori di battezzati e battezzandi e le persone senza fissa dimora, i malati e i disabili; quindi il saluto ai sacerdoti della comunità e la confessione ad alcuni fedeli prima della Messa.

All'Angelus di ieri, in piazza San Pietro, Papa Francesco, commentando il brano del Vangelo di Luca, ha esortato quanti hanno responsabilità educative o di comando a essere consapevoli del proprio ruolo. Poi ha ricordato che la «mormorazione» distrugge famiglia, scuola, posto di lavoro, «dalla lingua incominciano le guerre».