Vita Chiesa

Vita Chiesa stampa

«Siamo grati al Santo Padre per averci ricevuti in udienza. Condividiamo con Papa Francesco la nostra situazione negli Stati Uniti, come il corpo di Cristo sia stato lacerato dal male degli abusi sessuali». Comincia così la dichiarazione «sulla recente crisi morale nella Chiesa cattolica americana» del card. Daniel DiNardo, vescovo di Galveston-Houston e presidente della Conferenza episcopale americana, rilasciata al termine dell'udienza privata con Papa Francesco.

«Aiutate la Chiesa in Irlanda a farla finita con questa storia». Questa la richiesta del Papa nell'incontro con un gruppo di gesuiti avvenuto il 25 agosto, durante la sua recente visita apostolica. A pubblicare in esclusiva il resoconto e la trascrizione del colloquio è padre Antonio Spadaro, direttore de La Civiltà Cattolica, presente all'incontro, avvenuto immediatamente dopo quello con otto vittime di abusi sessuali che ha toccato il cuore del Papa in maniera particolare.

«Essere cristiano non è facile», ma rende «felici»: il cammino che ci indica il Padre Celeste è quello della «misericordia» e «della pace interiore». Nell'omelia della Messa celebrata oggi a Santa Marta, Papa Francesco si è soffermato sui tratti distintivi dello «stile cristiano», partendo dall'odierno Vangelo di Luca, che mette a fuoco «quattro dettagli per vivere la vita cristiana»: «amate i vostri nemici, fate del bene a quelli che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi trattano male».

Nel comunicato sulla riunione del Consiglio dei cardinali l'annuncio che Papa Francesco incontrerà nel prossimo febbraio i presidenti delle conferenze episcopali di tutto il mondo per affrontare il tema della prevenzione degli abusi all'interno della Chiesa cattolica. Al centro dei lavori del C9 anche la riforma della Curia romana.

Il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Greg Burke, ha confermato ieri sera ai giornalisti che domani, 13 settembre, Papa Francesco riceverà il presidente della Conferenza episcopale americana. L'incontro era stato richiesto dal card. DiNardo dopo la pubblicazione del «comunicato» dell'arcivescovo Viganò sugli scandali di abusi sessuali nella Chiesa statunitense.