Vita Chiesa
stampa

Adorazione eucaristica perpetua: in cinquecento al convegno regionale

Era gremita di persone, più di cinquecento, la chiesa di San Giovanni Battista all’Autostrada sabato 14 settembre in occasione del decimo Convegno regionale delle Adorazioni eucaristiche perpetue della Toscana. Uomini e donne di età diverse venuti qui, dalle tante località della regione in cui sono nate cappelle e chiese dedicate all’adorazione, per ritrovarsi e pregare insieme.

Adorazione

Ha aperto il Convegno padre Giordano Maria Favillini, della Fraternità Apostolica di Gerusalemme a Pistoia, che ha anche dato inizio alla recita del Rosario. È seguita la catechesi condotta da Jean-Luc Moens, moderatore del Charis, l’organizzazione voluta da papa Francesco per riunire tutti i movimenti e le realtà carismatiche del mondo.
«È fondamentale l’amore. Quando stiamo in adorazione del Santissimo Sacramento - ha detto Moens - siamo riempiti dal suo amore e siamo spinti anche noi ad amare. Adorando l’Eucarestia noi doniamo al Signore il nostro amore e, nello stesso tempo, amiamo anche il nostro prossimo e il mondo intero». «Davanti al Santissimo - ha proseguito - ringraziamo Gesù per tutto quello che ha compiuto, l’incarnazione, la passione, la morte, la resurrezione e per l’Eucarestia. Facciamo sentire a Gesu tutta la nostra gratitudine e preghiamo, preghiamo per tutti noi peccatori, senza stancarci mai, con perseveranza e fiducia». Al termine della catechesi, è iniziata la Messa celebrata da monsignor Giovanni Nerbini, vescovo di Prato. Durante l’omelia il vescovo ha ribadito il valore dell’adorazione eucaristica e il potere dell’amore. Commentando le parabole della pecorella smarrita, della moneta perduta e del figliol prodigo, ha chiesto: «Chi è colui che non si stanca mai di cercare e che perdona sempre? È Gesù. Lui ci insegna ad amare e a perdonare». Al termine della Messa padre Giordano ha ringraziato don Vincenzo Arnone, rettore della chiesa di San Giovanni Battista all’Autostrada, per l’ospitalità. «Questa è chiamata la chiesa del silenzio - ha specificato don Vincenzo - perché è perfetta per l’adorazione eucaristica!».
«È stato un incontro molto bello - hanno detto tanti adoratori e adoratrici presenti - con momenti di profonda spiritualità». I coniugi Caterina e Ciro ci hanno raccontato la loro storia: «Siamo adoratori da diversi anni nella cappella di San Martino a Campi e per noi è stata ed è un’esperienza toccante. Pregare davanti al Santissimo Sacramento esposto dona tanti benefici. Nel silenzio ci sentiamo ascoltati e abbracciati dall’amore del Signore e dopo l’adorazione non proviamo più la pesantezza della vita quotidiana, anzi l’affrontiamo con coraggio perché non ci sentiamo piu soli». «Faccio adorazione nella cappella della Sacra Famiglia a Prato da tanti anni - ha precisato Licio - anche due volte al giorno. Per me è importante pregare perché la preghiera è un modo per stare con il Signore e fare qualcosa per gli altri. Io prego anche per chi me lo chiede e ci sono tante persone che me lo chiedono».
Attualmente sono quindici le cappelle e chiese di adorazione eucaristica perpetua in Toscana: chiesa di San Martino a Campi Bisenzio, Badia Fiorentina, Chiesa di San Carlo dei Lombardi, chiesa del Corpus Domini, Cenacolo Madonna di Fatima a Firenze; chiesino di San Paolo, parrocchia della Sacra famiglia, parrocchia di San Lorenzo a Prato; cappella laterale alla chiesa di Santa Maria a Scandicci, chiesa di San Bernardo Abate a Donoratico, chiesa di Santo Stefano a Lamporecchio, chiesa S. Andrea Corsini a Montevarchi, chiesa di San Paolo a Pistoia, chiesa Madonna dei Galletti a Pisa, cappellina dell’Oasi a San Miniato. Tanti e sempre di piu sono gli adoratori e le adoratrici che dedicano un po’ del loro tempo all’adorazione eucaristica perpetua.

Adorazione eucaristica perpetua: in cinquecento al convegno regionale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento