Vita Chiesa
stampa

Al santuario di Montenero la Messa per la festa della Patrona della Toscana

«Settant’anni orsono, Pio XII (il 15 maggio 1947) dichiarò la Madonna di Montenero Universae Tusciae Patrona. Da quel giorno le diocesi della Toscana si recano annualmente a turno in pellegrinaggio al Santuario, donando quell’olio che giorno e notte alimenta la lampada posta davanti all’effige». Così il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze e presidente della Conferenza Episcopale Toscana, si è espresso durante la Messa che i vescovi toscani hanno concelebrato al santuario di Montenero, nella festa della Madonna patrona della Toscana.

Percorsi: Betori - Madonna - Montenero
Al santuario di Montenero la Messa per la festa della Patrona della Toscana

«Tale atteggiamento devozionale - ha proseguito Betori - non può ridursi a un tradizionale segno che avviene una sola volta l’anno, ma deve tradursi in un quotidiano atteggiamento di chi è consapevole di avere Maria come “modello”».

Betori ha indicato nell’«ardere della fiamma perpetua sulla lampada posta davanti all’effige di Maria» il desiderio ardente di chi vuole «vivere nella realtà, con uno sguardo sempre attento ai bisogni dell’uomo contemporaneo che ci è accanto, condividendo tutto ciò che il suo cuore desidera. L’andare verso le “periferie”, per recuperare un’immagine cara a Papa Francesco, significa indirizzare tutto se stessi verso l’umanità ferita dell’altro, con quello sguardo che sa inserirsi in quello di Cristo per il peccatore. Non basta tuttavia immergersi nella realtà; il nostro andare deve essere costantemente proiettato su Cristo, su colui che, quando tutto crolla, rimane nella nostra vita non come apparenza, ma come evidenza».

L'offerta dell'olio per la lampada è stata fatta quest'anno dalla diocesi di Pescia, che si è recata a Montenero con il pellegrinaggio diocesano

Al santuario di Montenero la Messa per la festa della Patrona della Toscana
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento