Vita Chiesa
stampa

Antiriciclaggio e trasparenza finanziaria, alla Santa Sede i complimenti del Consiglio d'Europa

Moneyval, il comitato di esperti del Consiglio d’Europa incaricato di valutare le misure di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo, ha pubblicato il rapporto sulle misure messe in atto dalla Santa sede.  L’esito è positivo con addirittura i “complimenti” per gli sforzi profusi. Soddisfazione in Vaticano.

Percorsi: Santa Sede
Vaticano

Moneyval, il comitato di esperti del Consiglio d’Europa incaricato di valutare le misure di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo negli Stati membri, ha pubblicato oggi il rapporto di 274 pagine che esamina le misure messe in atto dalla Santa sede per contrastare il riciclaggio e la loro conformità alle 40 raccomandazioni della Task force sull’azione finanziaria. Le valutazioni riportate nascono da una visita all’inizio di ottobre 2020. L’esito è positivo con addirittura i “complimenti” alle autorità nazionali “per gli sforzi profusi nel rendere costruttiva e tempestiva una cooperazione internazionale”. La Santa Sede è una delle cinque giurisdizioni ad avere raggiunto risultati così positivi. Moneyval incoraggia la Santa Sede (e lo Stato della Città del Vaticano) a “rafforzare ulteriormente le misure per combattere il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo”. Le autorità preposte “hanno generalmente una buona comprensione delle loro minacce e vulnerabilità del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo”. Tuttavia, alcuni casi divenuti di attenzione nazionale sono stati “un campanello d’allarme per un potenziale abuso del sistema interno da parte di figure di livello medio e alto (addetti ai lavori) per vantaggi personali o di altro tipo”. Se “le attività che hanno portato a questi casi sono state scoperte e hanno portato a azioni positive”, i casi “non sono stati affrontati nell’ambito della valutazione del rischio nazionale”.
Moneyval osserva anche che le indagini sul riciclaggio di denaro fino all’ottobre 2020 si sono “trascinate a lungo”, anche per cause esterne e, di conseguenza, “i risultati in tribunale sono stati modesti con solo due condanne per auto-riciclaggio”. Tuttavia, “i recenti sviluppi evidenziati nella relazione in questo settore sono incoraggianti”. Un altro elemento sottolineato è “l’importanza attribuita alla confisca come obiettivo strategico”, come dimostra l’adozione nel 2018 di un solido quadro per la confisca non basata sulla condanna. “Sebbene le autorità competenti siano efficaci nella ricerca e nel sequestro di proventi, esiste un notevole divario tra gli importi identificati e quelli confiscati”. Sulle misure preventive si dice che l’autorità incaricata ha “una buona conoscenza dei suoi rischi di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo” e gli obblighi di adeguata verifica della clientela e di tenuta dei registri “sono stati applicati con diligenza” ed esiste un rigoroso programma di monitoraggio delle transazioni, così come “i controlli di vigilanza sul settore finanziario impediscono ai criminali e ai loro associati di sedere nel consiglio di amministrazione dell’istituzione autorizzata e dell’organo che rappresenta il suo azionista”.

“La Santa Sede accoglie con soddisfazione il Rapporto Moneyval pubblicato in data odierna e l’incoraggiamento a proseguire sulla strada intrapresa”. È quanto si legge in una nota diffusa oggi dalla Sala stampa vaticana. “Con il riconoscimento della efficacia delle misure adottate da tutti gli organismi coinvolti nel contrasto del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo – si legge ancora nella nota – le autorità della Santa Sede assicurano il proprio impegno nel continuare il percorso di piena conformità ai migliori parametri internazionali e, a tale fine, valuteranno con attenzione le raccomandazioni contenute nel Rapporto”. In materia di lotta al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, si legge in particolare nel Rapporto Moneyval, la Santa Sede ha ottenuto 5 giudizi di efficacia “sostanziale” e 6 di efficacia  “moderata”. In nessun caso l’efficacia è stata giudicata “bassa”. Le raccomandazioni espresse dal rapporto di Moneyval nei confronti della giurisdizione vaticana costituiscono un incoraggiamento a fare ancora meglio, tenendo sempre alta la qualità delle risorse umane impiegate e rafforzando l’attività di tutte le autorità coinvolte nella lotta al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo”. Così Carmelo Barbagallo, presidente dell’Asif (Autorità di supervisione e informazione finanziaria), che ha guidato la delegazione vaticana durante il processo di valutazione, commenta il Rapporto Moneyval. “Sono consigli che aiutano il Vaticano a concorrere a realizzare, in condizioni di massima trasparenza e correttezza finanziaria, il fine ultimo della missione della Chiesa”, prosegue Barbagallo in un’intervista rilasciata a Vatican News, facendo notare che nel Rapporto “viene riconosciuto quanto è stato costruito lungo gli anni, frutto di un grande lavoro di squadra”.

Fonte: Sir
Antiriciclaggio e trasparenza finanziaria, alla Santa Sede i complimenti del Consiglio d'Europa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento