Vita Chiesa
stampa

Arezzo, con la festa della Madonna del Conforto si è aperto il sinodo diocesano

«Cari aretini, stamattina abbiamo la gioia di avere con noi il nostro cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana, che ci porta la benedizione di Papa Francesco». Così l’arcivescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, mons. Riccardo Fontana, ha aperto la celebrazione per la festa della Madonna del Conforto nel duomo di Arezzo, di fronte a centinaia di fedeli.

L'arcivescovo Riccardo Fontana

Sono oltre due secoli che – ogni 15 febbraio – gli aretini salgono in duomo per rendere omaggio alla piccola maiolica raffigurante la Madonna. La tradizione vuole che nel 1796 l’immagine mariana, allora conservata in una cantina, s’illuminò liberando la città dal flagello del terremoto. La festa di quest’anno ha un significato particolare per la Chiesa aretina, perché segna l’inizio del sinodo diocesano. «Nell’incontro privato del mese scorso – ha detto mons. Fontana – ho raccontato al Papa del progetto del nostro sinodo diocesano e che sarebbe stato presente il card. Bassetti nel giorno della sua apertura. Il Santo Padre mi ha detto che avrebbe incaricato il cardinale di portare in questa occasione la sua personale benedizione. Salutiamo allora la presenza di Papa Francesco e avviamo il nostro cammino sinodale sotto la protezione della Madonna del Conforto, a cui affidiamo il nostro cuore e i sogni di una Chiesa rinnovata. Un cammino da fare insieme, perché questo significa ‘Sinodo’».

Nel duomo di Arezzo erano presenti anche i 500 i sinodali, che saranno i protagonisti del percorso avviato dalla diocesi, realtà ben conosciuta dal card. Bassetti per averla guidata per oltre 10 anni.

Fonte: Sir
Arezzo, con la festa della Madonna del Conforto si è aperto il sinodo diocesano
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento