Vita Chiesa
stampa

BENEDETTO XVI: 10 E 11 NOVEMBRE INCONTRO CON I VOLONTARI EUROPEI

Parole chiave: benedetto xvi (2612), volontariato (316)

Ringraziare tutti i fedeli che si impegnano nei numerosi organismi cattolici di volontariato in tutti i paesi d'Europa e per incoraggiarne la testimonianza: è quanto si propone l'incontro di Benedetto XVI con i vertici del volontariato cattolico europeo che si svolgerà il 10 e l'11 novembre, in Vaticano, in occasione dell'Anno europeo del volontariato, promosso dall'Unione europea. A curare l'organizzazione dell'evento è stato chiamato Cor Unum, il dicastero della Santa Sede responsabile per l'attività caritativa della Chiesa. Sono invitati all'incontro circa 160 persone, da 25 Paesi, tra vescovi delegati e rappresentanti degli organismi di volontariato cattolico in Europa. Oltre ai diversi organismi nazionali, come le Caritas, sono stati invitati i rappresentanti di organismi internazionali come le Conferenze di San Vincenzo de' Paoli, gli Scout, l'Associazione volontari per il servizio internazionale (Avsi). L'incontro si aprirà giovedì 10 novembre, (ore 15.00) presso l'Auditorium del Palazzo San Pio X, (via della Conciliazione n. 5), con una relazione del presidente di Cor Unum, il card. Robert Sarah, seguita dalla testimonianza di Veronica Ottubray dell'Arche e dalla presentazione dei risultati di un questionario inviato precedentemente ai partecipanti per valutare lo stato di salute, le sfide e le possibilità del volontariato.
A conclusione della giornata di lavoro è previsto l'intervento della Commissaria europea con delega al volontariato, Kristalina Georgieva. Momento clou dell'incontro sarà, venerdì 11, l'udienza privata con Benedetto XVI, dopo una messa in San Pietro. Illustrando alla stampa l'incontro il segretario di Cor Unum, mons. Giovanni Pietro Dal Toso, ha affermato che “in una società così segnata dall'economia di mercato, dove il profitto sembra essere il criterio fondamentale per vivere e dunque dove anche i rapporti personali sembrano sottoposti al criterio dell'utilità, il volontariato testimonia che l'altro non è un concorrente, ma un fratello e che la persona vale più del denaro. Ciò che ci muove interiormente è la fede. Cristo ci ha insegnato ad amare gratuitamente”. Per mons. Dal Toso è importante “salvaguardare l'approccio personale ai problemi: il volontariato non nasce per creare strutture, ma per rispondere ai bisogni dell'uomo in nome di Cristo. Salvaguardare lo spirito di discernimento: molte volte il volontariato gioca d'anticipo e vede più in profondità, perché è più spontaneo e può dunque rispondere prima dello Stato alle necessità che si presentano”. Ancor più importante, però, è “salvaguardare l'elemento di fede, che è alla vera origine di questo fenomeno. L'esperienza di tanti santi ci dice che tanto più siamo di Dio tanto più possiamo aprirci al mondo e ai suoi reali bisogni”. (Sir)

BENEDETTO XVI: 10 E 11 NOVEMBRE INCONTRO CON I VOLONTARI EUROPEI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento