Vita Chiesa
stampa

BENEDETTO XVI A CONSIGLIO D'EUROPA: SVILUPPARE LA VALIDITÀ UNIVERSALE DIRITTI UMANI

Parole chiave: benedetto xvi (2612), consiglio d'europa (26), diritti umani (91)

Benedetto XVI ricevendo oggi l'ufficio di presidenza dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa (Apce), si è così rivolto al presidente, Mevlüt Çavuþoðlu: “Sono lieto di ricevervi in occasione del sessantesimo anniversario della Convenzione europea per i diritti umani, che impegna gli stati membri del Consiglio d'Europa a promuovere e difendere l'inviolabile dignità della persona umana. So che l'Assemblea parlamentare ha in agenda temi importanti legati alle persone che vivono in situazioni particolarmente difficili o che sono sottoposte a gravi violazioni della loro dignità. Penso alle persone affette da handicap, ai bambini vittime di violenza, agli immigrati, ai rifugiati, a coloro che pagano il prezzo più alto della attuale crisi economico-finanziaria, a coloro che sono vittime di estremismi o di nuove forme di schiavitù, come il traffico degli esseri umani, il commercio illegale delle droghe e la prostituzione. Nel vostro lavoro vi occupate inoltre delle vittime dei conflitti e delle persone che vivono in democrazie fragili. Sono stato altresì informato riguardo ai vostri sforzi per difendere la libertà religiosa e per opporvi alla violenza e all'intolleranza contro i credenti in Europa e nel mondo”. Il Papa ha poi affermato: “è un imperativo sviluppare la validità universale di tali diritti così come la loro inviolabilità, inalienabilità e indivisibilità”.
“Ho più volte sottolineato i rischi associati al relativismo nell'ambito dei valori, dei diritti e dei doveri” ha continuato Bene rivolgendosi ai membri dell'ufficio di presidenza dell'Apce. “Se a questi mancasse un fondamento razionale e oggettivo, comune a tutte le persone, e si basassero solo su culture, legislazioni o giudizi particolari, come potrebbero offrire una base solida e duratura per istituzioni sopranazionali come il Consiglio d'Europa?” “Come potrebbe aver luogo un dialogo fecondo tra le culture senza valori comuni, diritti e principi stabili e universali?”. Per Benedetto XVI “tali valori, diritti e doveri sono radicati nella dignità naturale di ogni persona, che è accessibile al ragionamento umano. La fede cristiana non ostacola, ma favorisce tale ricerca ed è un invito a cercare una base sovrannaturale per questa dignità”. “Sono convinto – ha concluso - che questi principi, fedelmente rispettati soprattutto in questioni legate alla vita umana, dal concepimento alla morte naturale, al matrimonio, radicato nel dono esclusivo e indissolubile tra un uomo e una donna, alla libertà di religione e all'educazione, sono condizioni necessarie per rispondere adeguatamente alle sfide decisive e urgenti che la storia presenta a ciascuno di noi”.
Sir

BENEDETTO XVI A CONSIGLIO D’EUROPA: SVILUPPARE LA VALIDITÀ UNIVERSALE DIRITTI UMANI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento