Vita Chiesa
stampa

BENEDETTO XVI: AIUTI RAPIDI E GENEROSI PER LE VITTIME DEL TERREMOTO IN ASIA DEL SUD

Benedetto XVI prega perché la comunità internazionale sia “rapida e generosa” nel portare aiuti alle popolazioni del Pakistan, India e Afghanistan colpite ieri dal terremoto. Parlando dal balcone del suo studio, subito dopo la preghiera dell'Angelus, il papa ha detto che raccomanda a Dio coloro che sono morti e la sua “più profonda vicinanza” alle molte migliaia di feriti e in lutto.

Prima dell'Angelus Benedetto XVI ha dato un quadro del card. Clemens August Von Galen, vescovo di Munster, beatificato stamattina nella basilica di san Pietro, con una messa presieduta dal card. Josè Saraiva Martins. Il nuovo beato “denunciò l'ideologia neopagana del nazionalsocialismo, difendendo la libertà della Chiesa e i diritti umani gravemente violati, proteggendo gli ebrei e le persone più deboli, che il regime considerava rifiuti da eliminare”.

Prendendo spunto dalle caratteristiche di Von Galen, Benedetto XVI ha ribattuto un tema a lui caro: “la fede - ha detto - non si riduce a sentimento privato, magari da nascondere quando diventa scomoda, ma implica la coerenza e la testimonianza anche in ambito pubblico in favore dell'uomo, della giustizia, della verità”.

E sempre sulla stessa linea, ha ricordato ai fedeli di pregare per il Sinodo perché “porti i frutti sperati”. Il frutto più importante è “l'impegno missionario” che nasce dall'Eucaristia. Chi partecipa alla messa è mandato a “portare a tutti la Buona Notizia ricevuta e di animare con essa la società”.

Ecco le parole del papa prima della preghiera mariana:

Cari fratelli e sorelle!
Questa mattina, nella Basilica di San Pietro, ha avuto luogo la beatificazione di Clemens August von Galen, Vescovo di Münster, Cardinale, intrepido oppositore del regime nazista. Ordinato sacerdote nel 1904, egli svolse a lungo il ministero in una parrocchia di Berlino e nel 1933 divenne Vescovo di Münster. In nome di Dio, denunciò l'ideologia neopagana del nazionalsocialismo, difendendo la libertà della Chiesa e i diritti umani gravemente violati, proteggendo gli ebrei e le persone più deboli, che il regime considerava rifiuti da eliminare. Sono note le tre celebri prediche che quell'intrepido Pastore pronunciò nel 1941. Il Papa Pio XII lo creò Cardinale nel febbraio 1946 e, appena un mese dopo, egli morì, circondato dalla venerazione dei fedeli, che riconobbero in lui un modello di coraggio cristiano. Proprio questo è il messaggio sempre attuale del beato von Galen: la fede non si riduce a sentimento privato, magari da nascondere quando diventa scomoda, ma implica la coerenza e la testimonianza anche in ambito pubblico in favore dell'uomo, della giustizia, della verità. Esprimo vive felicitazioni alla Comunità diocesana di Münster ed alla Chiesa in Germania, invocando su tutti, per intercessione del nuovo Beato, abbondanti grazie del Signore.
In questi giorni, come sapete, si sta svolgendo in Vaticano l'Assemblea del Sinodo dei Vescovi per approfondire il tema dell'Eucaristia nell'oggi della vita e della missione della Chiesa. Ho presieduto le riunioni della prima settimana e anche nelle due che verranno il Sinodo costituirà il mio principale impegno. Per il Sinodo vi chiedo di continuare a pregare, affinché possa portare i frutti sperati. In particolare, in questo mese di ottobre, nel quale ogni comunità ecclesiale è chiamata a rinnovare il proprio impegno missionario, invito a riprendere quanto il Papa Giovanni Paolo II ha scritto nella quarta parte della Lettera apostolica Mane nobiscum Domine, a proposito dell'Eucaristia come "principio e progetto di missione" (nn. 24-28): "L'incontro con Cristo, continuamente approfondito nell'intimità eucaristica, suscita nella Chiesa e in ciascun cristiano l'urgenza di testimoniare e di evangelizzare" (ivi, 24). Lo sottolinea il congedo alla fine della Messa: "Ite, missa est", che richiama la "missio", il compito per chi ha partecipato alla celebrazione di portare a tutti la Buona Notizia ricevuta e di animare con essa la società.
Affidiamo questa intenzione all'intercessione di Maria Santissima e di san Daniele Comboni, che domani verrà ricordato nella liturgia. Egli, che è stato insigne evangelizzatore e protettore del continente africano, aiuti la Chiesa del nostro tempo a rispondere con fede e con coraggio al mandato del Signore Risorto, che la invia ad annunciare a tutti i popoli l'amore di Dio.

Dopo la preghiera dell'Angelus, il papa ha aggiunto:

Con profonda tristezza ho appreso la notizia del terremoto nell'Asia del sud, che ha causato molti danni e morti in Pakistan, India e Afghanista. Raccomando all'amore misericordioso di Dio tutti coloro che sono morti ed estendo la mia più profonda vicinanza alle molte migliaia di persone ferite o in lutto. Prego che la comunità internazionale sia rapida e generosa nella sua risposta al disastro e chiedo al Signore di garantire coraggio e forza a coloro che sono impegnati nel compito dei soccorsi e nella ricostruzione.
Asianews

BENEDETTO XVI: AIUTI RAPIDI E GENEROSI PER LE VITTIME DEL TERREMOTO IN ASIA DEL SUD
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento