Vita Chiesa
stampa

BENEDETTO XVI ALL' ANGELUS RENDE OMAGGIO ALLA'ASTRONOMIA E INVITA A GUSTARE LA GIOIA DI ACCOGLIERE GESU'

Parole chiave: benedetto xvi (2612), astronomia (11), scienza (149)

Le leggi della natura siano di stimolo per contemplare le opere del Signore. Benedetto XVI all'Angelus spiega il ruolo dell'astronomia per scandire i tempi della preghiera ed invita - a pochi giorni dal Natale – a prepararsi per accogliere il Redentore. Un'insolita lezione di astronomia del Papa, che è partito nella sua riflessione dal tema dell'Annunciazione - offerto dal Vangelo nella quarta domenica di Avvento - mistero cui ritorniamo ogni giorno recitando l'Angelus, la preghiera che ci fa rivivivere “il momento decisivo in cui Dio bussò al cuore di Maria e, ricevuto il suo sì incomincio a prendere carne in lei e da lei”. A pochi giorni dal Natale il Papa ha quindi invitato “a fissare lo guardo sul mistero ineffabile che Maria ha custodito per nove mesi nel suo grembo verginale", “Il mistero di Dio che si fa uomo. E' questo - ha detto il Papa - il primo cardine della redenzione. Il secondo è la morte e risurrezione di Gesù, e questi due cardini inseparabili manifestano un unico disegno divino: salvare l'umanità e la sua storia assumendole fino in fondo col farsi carico interamente di tutto il male che le opprime”.
Mistero di salvezza che “oltre a quella storica, ha una dimensione cosmica”: “Cristo – ha sottolineato il Santo Padre - è il sole di grazia che, con la sua luce, trasfigura ed accende l'universo in attesa”. E la stessa Festa del Natale – ha spiegato il Papa – è legata al solstistizio d'inverno, che segna l'allungarsi delle giornata nell'emisfero boreale, e questo a partire dalle ore 12 del 21 dicembre.
Benedetto XVI ha ricordato che Piazza San Pietro è una meridiana, laddove il grande obelisco getta la sua ombra – la più lunga dell'anno in questi tempi - lungo una linea che corre sul selciato, verso la fontana sotto la sua finestra. Questo per rimarcare il ruolo dell'astronomia nello scandire i tempi della preghiera, come l'Angelus recitato al mattino, a mezzogiorno e a sera; per cui anticamente con la meridiana si conosceva il ‘mezzogiorno vero' e si regolavano gli orologi. Il Papa ha così colto l'occasione per segnalare l'Anno mondiale 2009 dell'Astronomia, indetto nel 4° centenario delle prime osservazioni al telescopio di Galileo Galilei. Diversi furono - ha poi rammentato - i pontefici cultori di questa scienza come “Silvestro II che la insegnò, Gregorio XIII, cui dobbiamo il nostro calendario, e San Pio X che sapeva costruire orologi solari”. “Se i cieli, secondo le belle parole del salmista, “narrano la gloria di Dio”, anche le leggi della natura, che nel corso dei secoli tanti uomini e donne di scienza ci hanno fatto capire sempre meglio, sono un grande stimolo a contemplare con gratitudine le opere del Signore”.
Tornando al tema del Natale, impariamo - ha concluso Benedetto XVI - da Giuseppe e Maria il segreto del raccoglimento per gustare la gioia di accogliere Gesù "il Redentore che viene a stare con noi, Parola d'amore di Dio per l'umanità di ogni tempo”.
Dopo la recita dell'Angelus, nei saluti ai pellegrini di tutto il mondo, il Papa ha rivolto un indirizzo particolare a 50 novelli sacerdoti dei Legionari di Cristo, ordinati ieri dal cardinale Angelo Sodano nella Basilica di San Paolo fuori le Mura a Roma, ed ancora all'associazione palermitana “Quelli della Rosa Gialla”, che ha realizzato un'opera teatrale ispirata alla vita di don Pino Puglisi, ucciso dalla mafia 15 anni fa. (Fonte: Radio Vaticana)

BENEDETTO XVI ALL' ANGELUS RENDE OMAGGIO ALLA'ASTRONOMIA E INVITA A GUSTARE LA GIOIA DI ACCOGLIERE GESU'
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento