Vita Chiesa
stampa

BENEDETTO XVI: CIRILLO E METODIO ESEMPIO CLASSICO DI INCULTURAZIONE

Parole chiave: benedetto xvi (2612)

“Un esempio classico di ciò che oggi si indica col termine inculturazione: ogni popolo deve calare nella propria cultura il messaggio rivelato ed esprimerne la verità salvifica con il linguaggio che gli è proprio”. Così Benedetto XVI ha definito i santi Cirillo e Metodio, apostoli degli slavi, cui oggi ha dedicato la tradizionale udienza del mercoledì. Tratteggiando la figura dei due fratelli, il Papa ha ricordato che a costoro si deve la nascita dell'alfabeto glagolitico, poi designato col nome di cirillico. Evento questo “decisivo per lo sviluppo della civiltà slava in generale”. “Cirillo e Metodio – ha detto il Pontefice - erano convinti che i singoli popoli non potessero ritenere di aver ricevuto pienamente la Rivelazione finché non l'avessero udita nella propria lingua e letta nei caratteri propri del loro alfabeto”. “Questo – ha aggiunto - suppone un lavoro di ‘traduzione' molto impegnativo, perché richiede l'individuazione di termini adeguati a riproporre, senza tradirla, la ricchezza della Parola rivelata. Di ciò i due santi Fratelli hanno lasciato una testimonianza quanto mai significativa, alla quale la Chiesa guarda anche oggi per trarne ispirazione ed orientamento”. Per questo loro ruolo storico Cirillo e Metodio sono stati proclamati da Giovanni Paolo II compatroni d'Europa insieme con san Benedetto.
Al termine dell'udienza di oggi Benedetto XVI ha salutato la Delegazione siro-cattolica guidata dal Patriarca della Chiesa di Antiochia dei siro-cattolici, Sua Beatitudine Mar Ignace Youssef III Younan, accompagnato, in questa sua prima visita ufficiale, dai Patriarchi emeriti, dai Vescovi e da fedeli provenienti dal Medio Oriente e da diverse parti del mondo. Nel saluto il Papa ha espresso la sua “sollecitudine e considerazione a tutte le Chiese Orientali Cattoliche”, incoraggiandole “a proseguire la missione ecclesiale, pur tra mille difficoltà, per edificare ovunque l'unità e la pace”. Domani nella basilica di Santa Maria Maggiore, a Roma, si terrà una Divina Liturgia in rito siro-antiocheno, “pubblica significazione”, ha detto il Papa, della ‘communio ecclesiastica' già concessa al patriarca Youssef, al momento della sua elezione. A rappresentare domani il Pontefice sarà il card. Leonardo Sandri, Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali.
Sir

BENEDETTO XVI: CIRILLO E METODIO ESEMPIO CLASSICO DI INCULTURAZIONE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento