Vita Chiesa
stampa

BENEDETTO XVI: DARE LA PRIORITÀ AL SACRAMENTO DELLA CONFESSIONE E PUNTARE SULL'AGGIORNAMENTO DEI PRETI

“Anche in questa nostra epoca, segnata da tante sfide religiose e sociali”, il sacramento della confessione va “riscoperto e riproposto”. Lo ha detto il Papa, che ricevendo in udienza oggi i penitenzieri delle quattro basiliche pontificie romane ha definito il confessore “padre, giudice spirituale, maestro ed educatore”, raccomandando ai sacerdoti un “costante aggiornamento” in materia. Benedetto XVI ha esordito ricordando “tutti i sacerdoti del mondo che si dedicano con impegno al ministero del confessionale”, e definendo il sacramento della penitenza “una rinascita spirituale, che trasforma il penitente in una nova creatura”. “Questo miracolo di grazia – ha ricordato il Pontefice – solo Dio può operarlo, e lo compie attraverso le parole e i gesti del sacerdote”. Il confessore, dunque, “non è spettatore passivo”, ma “strumento attivo della misericordia divina”. Di qui la necessità, per il confessore, di coniugare “una buona sensibilità spirituale e pastorale” con “una seria preparazione teologica, morale e pedagogica che lo renda capace di comprendere il vissuto della persona”.

Altro requisito raccomandato dal Papa al confessore, quello di "conoscere gli ambiti sociali, culturali e professionali di quanti si accostano al confessionale, per poter offrire idonei consigli ed orientamenti spirituali e pratici". “Non possiamo predicare il perdono e la riconciliazione agli altri, se non se siamo personalmente penetrati”, ha ammonito il Pontefice, esortando i sacerdoti ad unire alla “preparazione teologica” una “profonda vena di spiritualità”. “Se è vero che nel nostro ministero ci sono vari modi e strumenti per comunicare ai fratelli l'amore misericordioso di Dio – ha sottolineato Benedetto XVI - è però nella celebrazione di questo Sacramento che possiamo farlo nella forma più completa ed eminente. Cristo ci ha scelti, cari sacerdoti, per essere i soli a poter perdonare i peccati in suo nome: si tratta allora di uno specifico servizio ecclesiale al quale dobbiamo dare la priorità”. “Quante persone in difficoltà cercano il conforto e la consolazione di Cristo! Quanti penitenti trovano nella confessione la pace e la gioia che rincorrevano da tempo!”, ha concluso il Pontefice, citando “l'esempio dei santi” che “si dedicavano quasi esclusivamente al ministero del confessionale”, tra cui san Pio da Pietrelcina.
Sir

BENEDETTO XVI: DARE LA PRIORITÀ AL SACRAMENTO DELLA CONFESSIONE E PUNTARE SULL'AGGIORNAMENTO DEI PRETI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento