Vita Chiesa
stampa

BENEDETTO XVI: LA SECONDA GUERRA MONDIALE, LA SHOAH, LA CADUTA DEL MURO

Parole chiave: guerre (34), shoah (78), benedetto xvi (2612)

“Questa sera torna alla nostra memoria la tragedia della seconda guerra mondiale, dolorosa pagina di storia intrisa di violenza e di disumanità, che ha causato la morte di milioni di persone, lasciando i vincitori divisi e l'Europa da ricostruire”. Al termine del concerto ‘Youth against war', Benedetto XVI si è soffermato su due anniversari decisivi per la storia recente del continente europeo: l'inizio della secondo conflitto mondiale (1939) e la caduta del muro di Berlino (1989). “La guerra, voluta dal nazionalsocialismo - ha affermato il Papa - ha colpito tante popolazioni innocenti dell'Europa e di altri Continenti, mentre, con il dramma della shoah, ha ferito soprattutto il popolo ebreo, oggetto di uno sterminio programmato”. Benedetto XVI ha ricordato che in tale tragico contesto “non mancarono gli inviti alla ragionevolezza e alla pace elevatisi da molte parti. Qui a Roma risuonò accorata la voce del mio venerato Predecessore Pio XII. Nel radiomessaggio del 24 agosto del 1939 – proprio nella imminenza dello scoppio della guerra – proclamò con decisione: ‘nulla è perduto con la pace. Tutto può esserlo con la guerra'. Nessuno purtroppo riuscì a fermare quell'immane catastrofe: prevalse inesorabile la logica dell'egoismo e della violenza. Ricordare quei tristi eventi sia monito, soprattutto per le nuove generazioni, a non cedere mai più alla tentazione della guerra”.
“Quest'anno - ha aggiunto Benedetto XVI - commemoriamo un altro significativo anniversario: i venti anni dalla caduta del muro di Berlino, simbolo eloquente della fine dei regimi totalitari comunisti dell'Est europeo”. Citando Giovanni Paolo II, il Papa ha sottolineato che “la caduta del muro, come il crollo di pericolosi simulacri e di una ideologia oppressiva, hanno dimostrato che le libertà fondamentali, che danno significato alla vita umana, non possono essere represse e soffocate a lungo”. Da queste esperienze Benedetto XVI ha ricavato un messaggio per l'oggi affermando che “l'Europa, il mondo intero hanno sete di libertà e di pace! Occorre costruire insieme la vera civiltà, che non sia basata sulla forza, ma sia ‘frutto della vittoria su noi stessi, sulle potenze dell'ingiustizia, dell'egoismo e dell'odio, che possono giungere sino a sfigurare l'uomo'”. Questa civiltà, ha concluso il Papa, può avere nel “ movimento ecumenico, che ha trovato nella seconda guerra mondiale un catalizzatore” una forza che “può contribuire a costruirla, operando insieme agli ebrei e a tutti i credenti”.
Sir

BENEDETTO XVI: LA SECONDA GUERRA MONDIALE, LA SHOAH, LA CADUTA DEL MURO
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento