Vita Chiesa
stampa

BENEDETTO XVI, MESSAGGIO PER LA QUARESIMA: NON BISOGNA TACERE DI FRONTE AL MALE

Parole chiave: quaresima (78), benedetto xvi (2612)

“Non bisogna tacere di fronte al male”. Nel Messaggio per la Quaresima (testo integrale), il Papa stigmatizza quella “mentalità che, riducendo la vita alla sola dimensione terrena, non la considera in prospettiva escatologica e accetta qualsiasi scelta morale in nome della libertà individuale”. “Una società come quella attuale - la denuncia di Benedetto XVI – può diventare sorda sia alle sofferenze fisiche, sia alle esigenze spirituali e morali della vita”. “Nel nostro mondo impregnato di individualismo – la tesi del Papa - è necessario riscoprire l'importanza della correzione fraterna, per camminare insieme verso la santità” e scongiurare così il pericolo di una sorta di “anestesia spirituale”. Di qui l'importanza di “ammonire i peccatori”, recuperando quella dimensione della “carità cristiana” che la tradizione della Chiesa “ha annoverato tra le opere di misericordia spirituale”. Benedetto XVI critica l'atteggiamento “di quei cristiani che, per rispetto umano o per semplice comodità, si adeguano alla mentalità comune, piuttosto che mettere in guardia i propri fratelli dai modi di pensare e di agire che contraddicono la verità e non seguono la via del bene”. Il rimprovero cristiano, precisa però il Papa, “non è mai animato da spirito di condanna o recriminazione; è mosso sempre dall'amore e dalla misericordia e sgorga da vera sollecitudine per il bene del fratello”.
“Oggi – la denuncia del Papa – si è assai sensibili al discorso della cura e della carità per il bene fisico e materiale degli altri, ma si tace quasi del tutto sulla responsabilità spirituale verso i fratelli”. “Non così deve essere nella comunità cristiana”, ammonisce il Santo Padre, ricordando che Cristo stesso “comanda di riprendere il fratello che sta commettendo un peccato”, e che il verso usato per definire la correzione fraterna “è il medesimo che indica la missione profetica di denuncia propria dei cristiani verso una generazione che indulge al male”. “Fissare lo sguardo sull'altro, prima di tutto su Gesù, ed essere attenti agli uni verso gli altri, a non mostrarsi estranei, indifferenti, alla sorte dei fratelli”: questo, in sintesi, l'invito del Papa, che esorta a “prendersi cura dell'altro” a partire dalla consapevolezza che “l'altro mi appartiene, la sua vita, la sua salvezza riguardano la mia vita e la mia salvezza”. “La nostra esistenza è correlata con quella degli altri, sia nel bene che nel male”, afferma il Santo Padre, per il quale “sia il peccato, sia le opere di amore hanno anche una dimensione sociale”. Spesso, invece, “prevale l'atteggiamento contrario: l'indifferenza, il disinteresse, che nascono dall'egoismo, mascherato da una parvenza di rispetto per la sfera privata”. (Sir)

BENEDETTO XVI, MESSAGGIO PER LA QUARESIMA: NON BISOGNA TACERE DI FRONTE AL MALE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento