Vita Chiesa
stampa

BENEDETTO XVI, REGINA CAELI: GLI UOMINI HANNO BISOGNO DI DIO ANCHE NEL MONDO TECNOLOGICO; APPELLO PER LIBIA E SIRIA

Parole chiave: benedetto xvi (2612), libia (322), siria (146), vocazioni (34)

"La liturgia della IV Domenica di Pasqua ci presenta una delle icone più belle che, sin dai primi secoli della Chiesa, hanno raffigurato il Signore Gesù: quella del Buon Pastore". Lo ha detto stamattina Benedetto XVI, prima di recitare il Regina Cæli, da piazza San Pietro, nella Giornata mondiale delle vocazioni.
Nel Vangelo di san Giovanni sono descritti "i tratti peculiari del rapporto tra Cristo Pastore e il suo gregge, un rapporto talmente stretto che nessuno potrà mai rapire le pecore dalla sua mano. Esse, infatti, sono unite a Lui da un vincolo d'amore e di reciproca conoscenza, che garantisce loro il dono incommensurabile della vita eterna". Nello stesso tempo, ha evidenziato il Papa, "l'atteggiamento del gregge verso il Buon Pastore, Cristo, è presentato dall'evangelista con due verbi specifici: ascoltare e seguire. Questi termini designano le caratteristiche fondamentali di coloro che vivono la sequela del Signore". Innanzitutto "l'ascolto della sua Parola, dal quale nasce e si alimenta la fede. Solo chi è attento alla voce del Signore è in grado di valutare nella propria coscienza le giuste decisioni per agire secondo Dio". Dall'ascolto deriva, quindi, "il seguire Gesù: si agisce da discepoli dopo aver ascoltato e accolto interiormente gli insegnamenti del Maestro, per viverli quotidianamente".
In questa domenica viene spontaneo ricordare a Dio, secondo il Santo Padre, "i pastori della Chiesa, e coloro che si stanno formando per diventare pastori". Di qui l'invito "a una speciale preghiera per i vescovi – compreso il vescovo di Roma! –, per i parroci, per tutti coloro che hanno responsabilità nella guida del gregge di Cristo, affinché siano fedeli e saggi nel compiere il loro ministero". In particolare, ha aggiunto, "preghiamo per le vocazioni al sacerdozio in questa Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni, affinché non manchino mai validi operai nella messe del Signore". Ricordando l'istituzione, 70 anni fa, da parte di Pio XII, della Pontificia Opera per le vocazioni sacerdotali, Benedetto XVI ha affermato: "La felice intuizione del mio predecessore si fondava sulla convinzione che le vocazioni crescono e maturano nelle Chiese particolari, facilitate da contesti familiari sani e irrobustiti da spirito di fede, di carità e di pietà". Nel messaggio per la Giornata mondiale il Papa ha sottolineato che una vocazione si compie quando si esce "dalla propria volontà chiusa e dalla propria idea di autorealizzazione, per immergersi in un'altra volontà, quella di Dio, lasciandosi guidare da essa". "Anche in questo tempo, nel quale la voce del Signore rischia di essere sommersa in mezzo a tante altre voci – ha aggiunto -, ogni comunità ecclesiale è chiamata a promuovere e curare le vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata. Gli uomini infatti hanno sempre bisogno di Dio, anche nel nostro mondo tecnologico, e ci sarà sempre bisogno di pastori che annunciano la sua Parola e fanno incontrare il Signore nei sacramenti".
Dopo la recita del Regina Cæli, il Pontefice ha rivolto un pensiero alla Libia e alla Siria. "Continuo a seguire con grande apprensione – ha ribadito - il drammatico conflitto armato che, in Libia, ha causato un elevato numero di vittime e di sofferenze, soprattutto fra la popolazione civile. Rinnovo un pressante appello perché la via del negoziato e del dialogo prevalga su quella della violenza, con l'aiuto degli organismi internazionali che si stanno adoperando nella ricerca di una soluzione alla crisi". Il Santo Padre ha assicurato anche la sua "orante e commossa partecipazione all'impegno con cui la Chiesa locale assiste la popolazione, in particolare tramite le persone consacrate presenti negli ospedali". "Il mio pensiero – ha proseguito - va anche alla Siria, dove è urgente ripristinare una convivenza improntata alla concordia e all'unità. Chiedo a Dio che non ci siano ulteriori spargimenti di sangue in quella patria di grandi religioni e civiltà, ed invito le autorità e tutti i cittadini a non risparmiare alcuno sforzo nella ricerca del bene comune e nell'accoglienza delle legittime aspirazioni a un futuro di pace e di stabilità.
"La beatificazione del Papa Giovanni Paolo II ha avuto, come sapete, una risonanza mondiale – ha ricordato Benedetto XVI -. Vi sono altri testimoni esemplari di Cristo, molto meno noti, che la Chiesa addita con gioia alla venerazione dei fedeli. Oggi, a Würzburg, in Germania, è stato proclamato beato Georg Häfner, sacerdote diocesano, morto martire nel campo di concentramento di Dachau; e sabato 7 maggio scorso, a Pozzuoli, è stato beatificato un altro presbitero, Giustino Maria Russolillo, fondatore della Società delle Divine Vocazioni. Ringraziamo il Signore perché non fa mancare santi sacerdoti alla sua Chiesa!". Proprio ieri, nell'Udienza ai partecipanti all'Assemblea ordinaria del Consiglio superiore delle Pontificie Opere Missionarie, il Papa aveva detto: "Il ministero dell'evangelizzazione è affascinante ed esigente: richiede amore per l'annuncio e la testimonianza, un amore così totale che può essere segnato anche dal martirio. La Chiesa non può venire meno alla sua missione di portare la luce di Cristo, di proclamare il lieto annuncio del Vangelo, anche se ciò comporta la persecuzione. È parte della sua stessa vita, come lo è stato per Gesù. I cristiani non devono avere timore, anche se ‘sono attualmente il gruppo religioso che soffre il maggior numero di persecuzioni a motivo della propria fede'".
Nei saluti dopo il Regina Cæli, il Pontefice rivolgendosi ai polacchi ha affermato: "Oggi, Domenica del Buon Pastore e Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni, chiediamo a Cristo Risorto di destare nei cuori di numerosi giovani il desiderio di donarsi esclusivamente al servizio di Dio. Risplendano come luce per il mondo di oggi, come testimoni di Cristo che è la porta che conduce tutti alla salvezza". Nei saluti in italiano, ha menzionato "in particolare i fedeli provenienti da Perugia e Parma, i giovani di Pesaro, i ragazzi di Taggi di Sopra che hanno ricevuto la cresima", "l'Associazione ‘Amici della Musica' di Niscemi, gli alunni della scuola ‘Nostra Signora della Neve' di Genova e il gruppo Protezione civile di Roccamonfina".

BENEDETTO XVI, REGINA CAELI: GLI UOMINI HANNO BISOGNO DI DIO ANCHE NEL MONDO TECNOLOGICO; APPELLO PER LIBIA E SIRIA
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento