Vita Chiesa
stampa

BENEDETTO XVI: SACRE SCRITTURE, RIFIUTARE OGNI INTERPRETAZIONE SOGGETTIVA

Parole chiave: benedetto xvi (2612), bibbia (115)

“Lo studio scientifico dei testi sacri non è da solo sufficiente. Per rispettare la coerenza della fede della Chiesa l'esegeta cattolico deve essere attento a percepire la Parola di Dio in questi testi, all'interno della stessa fede della Chiesa”. In mancanza di questo “imprescindibile punto di riferimento” la ricerca esegetica “resta incompleta, con il pericolo di diventare addirittura una sorta di mero esercizio intellettuale. L'interpretazione delle Sacre Scritture deve essere sempre confrontata, inserita e autenticata dalla tradizione vivente della Chiesa”. Lo ha dichiarato oggi Benedetto XVI nel corso dell'udienza ai membri della Pontificia Commissione Biblica al termine della loro annuale assemblea plenaria. “L'esegeta cattolico – ha spiegato il Pontefice - non nutre l'illusione individualista che, al di fuori della comunità dei credenti, si possano comprendere meglio i testi biblici. E' vero invece il contrario, poiché questi testi non sono stati dati ai singoli ricercatori ‘per soddisfare la loro curiosità o per fornire loro degli argomenti di studio e di ricerca', ma da Dio sono stati affidati alla Chiesa di Cristo per alimentare la fede e guidare la vita di carità”.
Per Benedetto XVI “il rispetto di questa finalità condiziona la validità e l'efficacia dell'ermeneutica biblica. Solo il contesto ecclesiale – ha sottolineato - permette alla Sacra Scrittura di essere compresa come autentica Parola di Dio. Ciò comporta il rifiuto di ogni interpretazione soggettiva o semplicemente limitata a una sola analisi, incapace di accogliere in sé il senso globale che nel corso dei secoli ha guidato la Tradizione dell'intero Popolo di Dio”. Ricordando la costituzione Dei Verbum, che afferma che “Dio è l'autore della Bibbia”, il Papa ha ribadito che “per una retta interpretazione della Scrittura bisogna ricercare con attenzione che cosa gli agiografi hanno veramente voluto affermare e che cosa è piaciuto a Dio manifestare con le loro parole. Essendo la Sacra Scrittura ispirata, c'è un sommo principio di retta interpretazione senza il quale gli scritti sacri resterebbero lettera morta: la Sacra Scrittura deve essere letta e interpretata con l'aiuto dello stesso Spirito mediante il quale è stata scritta”.
Sir

BENEDETTO XVI: SACRE SCRITTURE, RIFIUTARE OGNI INTERPRETAZIONE SOGGETTIVA
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento