Vita Chiesa
stampa

Benedetto XVI: oggi il quarto anniversario della rinuncia al pontificato

Oggi, 11 febbraio, ricorre il quarto anniversario della rinuncia di Papa Benedetto XVI al pontificato. Una decisione che sorprese il mondo e che aprì la strada al pontificato di Papa Francesco. Oggi vive in preghiera all'interno del Vaticano.

Papa Francesco con Benedetto

Oggi, 11 febbraio, ricorre il quarto anniversario della rinuncia di Papa Benedetto XVI al pontificato. Ad annunciarla è stato lui stesso, l’11 febbraio 2013, con queste parole: «Ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sarà vacante e dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l’elezione del nuovo Sommo Pontefice». Poco prima, l’allora Papa Benedetto XVI aveva osservato: «Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino. Sono ben consapevole che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando. Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato».

Poi, alle 20 del 28 febbraio, la chiusura del cancello della Villa pontificia di Castel Gandolfo e l’inizio della «sede vacante», che si è conclusa il 13 marzo con l’elezione di Papa Francesco. Con la scelta di vivere nel Monastero Mater Ecclesiae in Vaticano, il Papa emerito ha continuato e continua ad offrire il suo servizio per il bene della Chiesa «nascosto al mondo», come lui stesso ha dichiarato di voler fare, attraverso la preghiera, il silenzio, la mitezza e la discrezione, sostenendo il ministero del suo successore in un rapporto di fraterna amicizia e stima spirituale, oltre che obbedienza, attraverso visite, chiamate telefoniche e presenze agli avvenimenti più importanti, come il primo Concistoro di Papa Francesco o l’apertura della Porta Santa di San Pietro per l’inizio del Giubileo.

Fonte: Sir
Benedetto XVI: oggi il quarto anniversario della rinuncia al pontificato
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento