Vita Chiesa
stampa

EBREI-CATTOLICI: INCONTRO DI BUDAPEST, «ESSERE SEGNO DI SPERANZA PER IL MONDO»

Parole chiave: dialogo interreligioso (276), ebrei (137)

Il dialogo cattolico-ebraico “può diventare un segno di speranza e di ispirazione per questo nostro mondo inquieto”. Lo scrivono ebrei e cattolici nella dichiarazione finale diffusa oggi al termine del 20° incontro del Comitato Internazionale di collegamento cattolico-ebraico (ILC), che si è riunito a Budapest dal 9 al 12 novembre. “Negli ultimi decenni – si legge nel testo – il dialogo cattolico-ebraico è stato caratterizzato da una crescente amicizia e comprensione reciproca che ci hanno permesso di costruire un clima di fiducia”. “Il nuovo spirito di amicizia e di cura l'uno per l'altro può essere il simbolo più importante che possiamo offrire alle nostre società”. “Significativo” in questo senso – prosegue il comunicato - è stato il “primo” incontro di un gruppo di giovani leaders, cattolici ed ebrei, che si è svolto qualche giorno prima dell'incontro del Comitato. Due le sessioni di incontro plenario: la prima dedicata al “ruolo della religione nella società civile”; la seconda allo stato del dialogo ebraico-cattolico nell'Europa dell'Est. Nei gruppi di lavoro si è parlato di progetti comuni, tra cui un'iniziativa di dialogo trilaterale che coinvolge anche rappresentanti della “Maroccan Mohammedian League of Muslim Scholars”. Cattolici ed ebrei deplorano gli atti di violenza contro i cristiani e gli episodi di antisemitismo nel mondo. E' quanto si legge nella dichiarazione finale diffusa oggi a conclusione del 20° incontro del Comitato Internazionale di collegamento cattolico-ebraico (ILC – Budapest, 9-12 novembre). “Continuiamo a deplorare la violenza a sfondo religioso – si legge nel testo - e a prendere atto in particolare delle violenze nei confronti dei cristiani in India e in Iraq e degli episodi di antisemitismo in Europa e nel Medio Oriente”. “Noi come leaders religiosi chiediamo ai membri delle nostre due tradizioni di accettare il loro ruolo di promozione del rispetto e della reciproca comprensione. La libertà di religione deve essere garantita sia per gli individui che per le comunità dalle rispettive Autorità religiose e civili. Cattolici ed ebrei hanno un obbligo etico di dimostrare la responsabilità religiosa per la società e di educare le future generazioni ai valori religiosi. Questo è particolarmente importante nel momento attuale di fronte all'emergere di espressioni di xenofobia, razzismo e antisemitismo in alcune parti dell'Europa centrale e orientale”. Nel comunicato si accenna anche alla crisi finanziaria mondiale chiedendo di non “attribuire” la responsabilità “a nessun particolare gruppo religioso, economico, sociale, etnico, nazionale”.
Sir

EBREI-CATTOLICI: INCONTRO DI BUDAPEST, «ESSERE SEGNO DI SPERANZA PER IL MONDO»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento