Vita Chiesa
stampa

Epifania: card. Betori, «la ricerca non sia un vagare alla cieca, l’orientamento è Gesù»

«La ricerca ha bisogno di un preciso orientamento e non sia un vagare alla cieca, accumulare esperienze per uccidere la noia, come troppo spesso accade in questi nostri tempi, smaniosi sì di novità, ma incapaci di discernere, con sapienza, ciò che merita da ciò che è privo di valore o, addirittura, è negativo e dannoso». Lo ha detto l’arcivescovo di Firenze, card. Giuseppe Betori, nell’omelia della Messa, nella solennità dell’Epifania, che ha celebrato questa mattina in cattedrale.

Card. Giuseppe Betori

Il porporato ha portato come modello la ricerca dei Magi, «la ricerca di un sapere che non fornisca soltanto nozioni e visioni del mondo, ma sia capace di plasmare la storia». «Con questo atteggiamento – ha aggiunto – la ricerca diventa qualcosa di vitale, di cui tutti abbiamo bisogno, se non vogliamo subire l’esistenza, ma essere in grado di dare a essa un indirizzo e un significato, una forma che dia sapore ai nostri giorni». «La ricerca dei Magi questo orientamento lo possiede fin dall’inizio, e ha un nome preciso: ‘il re dei Giudei’».

Il card. Betori ha indicato, sull’esempio dei Magi, una serie di tappe nel viaggio che conduce a Gesù. La prima è quella di «riconoscere questa chiamata dentro di noi», «tappa essenziale per iniziare il cammino della fede». «I Magi insegnano anche che non basta una voce del cuore, ma occorre raccogliere i segni della presenza del Signore attorno a noi». Quindi, «la speranza trova nell’incontro con il Signore il proprio fondamento, ma ne è anche una necessaria premessa». «E se oggi constatiamo una diffusa crisi della fede, ciò appare legato anche all’oscuramento della speranza nell’orizzonte di molti, in particolare della cultura diffusa, così piegata sul momento presente, povera di memoria e intimorita di fronte al futuro».

Sulla strada i Magi «incontrano anche avversari nascosti, trame e inganni». E allo stesso modo «il tragitto della vita non può isolarsi dal mistero del male presente nella storia». Da qui l’invito del cardinale, che cita Papa Francesco, ad «accettare di sporcarsi e perfino ferirsi nelle periferie del mondo, per essere fedeli alla nostra vocazione alla ricerca di Dio». Infine, la nuova missione dopo l’incontro col Bambino: «portare a tutti una testimonianza».

Fonte: Sir
Epifania: card. Betori, «la ricerca non sia un vagare alla cieca, l’orientamento è Gesù»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento