Vita Chiesa
stampa

FESTIVAL BIBLICO: L'OSPITALITÀ DELLE SCRITTURE E LO STRANIERO COME RISORSA

Parole chiave: bibbia (115)

“Si può dire che l'umanità ha compiuto un passo decisivo, e forse il passo decisivo, il giorno in cui lo straniero da nemico (hostis) è divenuto ospite (hospes), cioè il giorno in cui la comunità umana è stata creata”. Saranno queste parole di Jean Danielou, riecheggiate anche in Emmanuel Levinas, a fare da sfondo alla sesta edizione del Festival biblico, che si svolgerà a Vicenza dal 27 al 30 maggio sul tema: “L'ospitalità delle Scritture”. Al centro dell'iniziativa, che verrà presentata domani a Vicenza (ore 12, Atro Palazzo delle Opere Sociali, piazza Duomo 2), l'idea dell'ospitalità quale accoglienza dell'altro come “valore indisponibile”, che caratterizza e qualifica la responsabilità umana. Partendo dalla Bibbia, il Festival approfondirà dunque “la dimensione politica, sociale ed economica dell'esperienza dell'ospitalità”, attraverso le numerose testimonianze contenute nell'Antico e nel Nuovo Testamento.”Ha conseguenze diverse vedere l'altro, lo straniero, come pericolo oppure come possibilità di innovazione sociale, di condivisione della ricchezza economica e culturale”, si legge nella presentazione dell'iniziativa, organizzata dalla diocesi di Vicenza e dal Centro Culturale San Paolo, con la collaborazione e il patrocinio del Progetto culturale della Cei e delle istituzioni locali. Info: www.festivalbiblico.it

FESTIVAL BIBLICO: L'OSPITALITÀ DELLE SCRITTURE E LO STRANIERO COME RISORSA
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento