Vita Chiesa
stampa

GIORNATA MONDIALE GIOVENTÙ 2003: MESSAGGIO DEL PAPA, RECITATE IL ROSARIO E SIATE OPERATORI DI PACE

Un invito ai giovani a non vergognarsi "di recitare il Rosario da soli, mentre andate a scuola, all'università o al lavoro" e ad essere al tempo stesso operatori di pace, viene rivolto oggi da Giovanni Paolo II nel suo Messaggio per XVIII Giornata mondiale della gioventù (Domenica delle Palme, 13 aprile 2003) che quest'anno e nel 2004 si celebrerà nelle Chiese locali, in attesa dell'incontro mondiale di Colonia (Germania) nel 2005.

Il Papa esorta i giovani ad affidarsi a Maria, soprattutto nei momenti di dolore, anche perché il tema scelto per la Giornata è in relazione con l'Anno del Rosario: "Ecco la tua madre!" (Gv 19,27): "Anche voi, cari giovani, siete posti di fronte alla sofferenza: la solitudine, gli insuccessi e le delusioni nella vostra vita personale; le difficoltà di inserzione nel mondo degli adulti e nella vita professionale; le separazioni e i lutti nelle vostre famiglie; la violenza delle guerre e la morte degli innocenti. Sappiate però che nei momenti difficili, che non mancano nella vita di ognuno, non siete soli: come a Giovanni ai piedi della Croce, Gesù dona anche a voi sua Madre, perché vi conforti con la sua tenerezza". Il Santo Padre ricorda, a questo proposito, la sua esperienza personale: "Ho costantemente sperimentato nella mia vita la presenza amorevole ed efficace della Madre del Signore; Maria mi accompagna ogni giorno nel compimento della missione di Successore di Pietro". Alla "scuola di Maria", sottolinea, i giovani possono scoprire "l'impegno concreto che da voi Cristo s'attende, imparerete a mettere Lui al primo posto nella vostra vita, ad orientare a Lui i pensieri e le azioni".

"Cari giovani, lo sapete: il cristianesimo non è un'opinione e non consiste in parole vane", ricorda il Papa nel suo messaggio: "Il cristianesimo è Cristo!", per cui "incontrare Gesù, amarlo e farlo amare" è "la vocazione cristiana" e Maria aiuta "ad entrare in un rapporto più vero, più personale con Gesù". Da qui l'invito a recitare il Rosario, che significa "amare Gesù con il cuore di sua Madre": "Non vergognatevi di recitare il Rosario da soli, mentre andate a scuola, all'università o al lavoro, per strada e sui mezzi di trasporto pubblico – afferma Giovanni Paolo II -; abituatevi a recitarlo tra voi, nei vostri gruppi, movimenti e associazioni; non esitate a proporne la recita in casa, ai vostri genitori e ai vostri fratelli, poiché esso ravviva e rinsalda i legami tra i membri della famiglia. Questa preghiera vi aiuterà ad essere forti nella fede, costanti nella carità, gioiosi e perseveranti nella speranza". Il Papa ripete ai giovani che "nessuno all'infuori di Cristo" può dare "la vera felicità" e li esorta ad essere le "sentinelle del mattino", "le vedette che annunciano le luci dell'alba e la nuova primavera del Vangelo".

"L'umanità – afferma - ha un bisogno imperioso della testimonianza di giovani liberi e coraggiosi, che osino andare controcorrente e proclamare con forza ed entusiasmo la propria fede in Dio, Signore e Salvatore". Ma questo, avverte, "non è facile" e "diventa addirittura impossibile, se si conta solo su se stessi. Ma ‘ciò che è impossibile agli uomini, è possibile a Dio'". Infine un appello a diventare operatori di pace: "In questo tempo minacciato dalla violenza, dall'odio e dalla guerra, testimoniate che Egli è il solo che possa donare la vera pace al cuore dell'uomo, alle famiglie e ai popoli della terra. Impegnatevi a ricercare e promuovere la pace, la giustizia e la fraternità. E non dimenticate la parola del Vangelo: ‘Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio' (Mt 5,9)". Ai giovani che si ritroveranno la Domenica delle Palme il Papa chiede di vivere "con impegno, nella preghiera, nell'ascolto attento e nella condivisione gioiosa queste occasioni di ‘formazione permanente'". I temi delle prossime Giornate saranno: nel 2004, "Vogliamo vedere Gesù" (Gv 12,21); nel 2005, "Siamo venuti per adorarlo" (Mt 2,2).

Sir

Il testo integrale del Messaggio

GIORNATA MONDIALE GIOVENTÙ 2003: MESSAGGIO DEL PAPA, RECITATE IL ROSARIO E SIATE OPERATORI DI PACE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento