Vita Chiesa
stampa

GMG, BENEDETTO XVI AI SEMINARISTI: NON LASCIATEVI INTIMORIRE

Parole chiave: gmg (563), gmg madrid (168), benedetto xvi (2612)

(Madrid, dai nostri inviati) – “Noi dobbiamo esser santi per non creare una contraddizione fra il segno che siamo e la realtà che vogliamo significare”. Rivolto ai seminaristi spagnoli nell'omelia (testo integrale ) della celebrazione eucaristica nella cattedrale di Santa María la Real de la Almudena, a Madrid, Benedetto XVI ha indicato loro la meta della santità, ricordando che “la santità della Chiesa è prima di tutto la santità oggettiva della persona stessa di Cristo, del suo Vangelo e dei suoi Sacramenti, la santità di quella forza dall'alto che l'anima e la sospinge”. “Già sappiamo – ha detto - che tale compito ci sorpassa e non potremo raggiungerlo pienamente, però, come dice san Paolo, corriamo verso la meta sperando di raggiungerla”. Il Papa ha esortato i giovani seminaristi a vivere gli anni della loro formazione “con gioia profonda, in atteggiamento di docilità, di lucidità e di radicale fedeltà evangelica, come pure in amorevole relazione con il tempo e le persone”. “Nessuno – ha aggiunto – sceglie il contesto, né i destinatari della propria missione. Ogni epoca ha i suoi problemi, ma Dio offre in ogni tempo la grazia opportuna per farsene carico e superarli con amore e realismo. Per questo, in ogni circostanza in cui si trovi, e per quanto dura essa sia, il sacerdote deve portare frutto in ogni ambito di opere buone”.
Configurarsi a Cristo, ha precisato Benedetto XVI, comporta “identificarsi sempre di più con Colui che per noi si è fatto servo, sacerdote e vittima. Configurarsi a Lui è, in realtà, il compito per il quale ogni sacerdote deve spendere per tutta la vita”. Il sacerdote è colui che vuole imitare Cristo “nella sua carità fino all'estremo verso tutti”, ha sottolineato esortando ad affrontare “questa sfida senza complessi, né mediocrità”. “Sostenuti dal suo amore, non lasciatevi intimorire da un ambiente nel quale si pretende di escludere Dio e nel quale il potere, il possedere o il piacere sono spesso i principali criteri sui quali si regge l'esistenza. Può darsi che vi disprezzino, come si suole fare verso coloro che richiamano mete più alte o smascherano gli idoli dinanzi ai quali oggi molti si prostrano”. “Sarà allora – ha concluso – che una vita profondamente radicata in Cristo si rivelerà realmente come una novità, attraendo con forza coloro che veramente cercano Dio, la verità e la giustizia”.
“Non esiste altra alternativa nel percorso formativo del sacerdozio ministeriale” che non sia la “santità sacerdotale”. Con queste parole – sottolineate dall'applauso delle migliaia di seminaristi e diaconi presenti – l'arcivescovo di Madrid, card. Antonio María Rouco Varela, si era rivolto a Benedetto XVI all'inizio della celebrazione eucaristica nella cattedrale dell'Almudena, a Madrid. “Questi seminaristi della Gmg di Madrid – ha affermato – aspirano ad essere santi sacerdoti, perché desiderano essere fedeli strumenti di Gesù Cristo, sommo ed eterno sacerdote, per la santificazione dei loro giovani compagni e del mondo intero. Desiderano essere i primi apostoli della gioventù del loro tempo come richiesto dal Papa e dalla Chiesa. La loro anima sacerdotale si va formando a misura del cuore di Cristo nella messa quotidiana, nella frequente adorazione eucaristica e nella preghiera”. Il cardinale ha ricordato che “fra i patroni della Gmg 2011 di Madrid si trovano figure incomparabili della spiritualità sacerdotale” come san Giovanni d'Avila, patrono del clero spagnolo, le cui reliquie “sono state trasportate dalla Chiesa di Montilla (Cordova) a Madrid per poter essere venerate” dai “giovani pellegrini e specialmente da quelli che sentono nel loro cuore la vocazione per il sacerdozio ministeriale”.(Sir)

GMG, BENEDETTO XVI AI SEMINARISTI: NON LASCIATEVI INTIMORIRE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento