Vita Chiesa
stampa

Grosseto, percorso per giovani innamorati «ti amo…che emoticon!»

«Ti amo…che emoticon! Giovani innamorati in cammino per custodire l’amore nonostante Uozzàp». È questo il filo conduttore del percorso che la diocesi di Grosseto, attraverso gli Uffici di pastorale giovanile e pastorale familiare, inaugurerà domenica 14 maggio al centro Frassati.

Giovani (Foto Sir)

La proposta – spiega la diocesi in una nota – vuole «intercettare le coppie di innamorati che stanno insieme già da un po’ e vogliono approfondire il loro amore, desiderando dare una direzione precisa al loro stare insieme, senza avere ancora davanti a loro la prospettiva matrimoniale».

Gli incontri saranno mensili e occuperanno il tempo di una mattina: inizio alle 9.30 e conclusione alle 12 con la Messa. A guidarli saranno una coppia di sposi, Michele e Elena Napolitano, dell’ufficio di pastorale familiare, e don Stefano Papini, responsabile del servizio di pastorale giovanile. Sarà un percorso che, partendo dalla conoscenza di se stessi come persone amate, attraversando vari passaggi (dialogo, ascolto, condivisione, gelosia, perdono, preghiera) aiuti i giovani fidanzati a scoprire il mistero che avvolge l’altro.

«Il tema generale del percorso – si legge nel comunicato – tende a legare l’amore ai tempi che stiamo vivendo, dove spesso le nostre relazioni affettive (non solo l’amore, ma anche l’amicizia) sono fortemente connotate dalle emozioni, che faticano a trasformarsi in sentimenti. L’amore, però, non è solo emozione, ma anche sentimento, volontà, impegno ad accogliere il mistero dell’altro». Questo il percorso e la sfida che pastorale giovanile e pastorale familiare propongono alle giovani coppie di fidanzati.

Fonte: Sir
Grosseto, percorso per giovani innamorati
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento