Vita Chiesa
stampa

IRC: IL MESSAGGGIO DELLA PRESIDENZA CEI

Parole chiave: irc (36), cei (408)

“Con l'insegnamento della religione cattolica”, la Chiesa che è in Italia “propone all'interno dell'offerta formativa l'orizzonte di valori provenienti dal ricco patrimonio del cristianesimo, che segna profondamente la cultura occidentale, declinandosi” nel nostro Paese “soprattutto nella forma cattolica”. È quanto si legge nel messaggio della presidenza della Conferenza episcopale italiana in vista della scelta di avvalersi dell'insegnamento della religione cattolica (Irc) nell'anno scolastico 2010-2011 (Testo integrale su www.agensir.it – sezione Documenti). La Chiesa, affermano i vescovi, “consapevole che la scuola è luogo imprescindibile di formazione della persona”, si fa “compagna di viaggio dei genitori, dei docenti e degli studenti, cooperando – nelle modalità che le sono proprie – all'educazione integrale delle giovani generazioni”. Secondo la Cei, “i grandi valori universali della dignità della persona, della pace e della giustizia, le molteplici espressioni dell'arte, della musica e della letteratura” costituiscono “la trama organica della nostra civiltà e resterebbero incomprensibili, se disancorati dalla radice cristiana che li ha generati e dalla figura e dall'opera di Gesù Cristo, che ne è il fondamento”. Di qui le parole del Papa ai partecipanti all'incontro degli Idr nello scorso aprile: “grazie all'insegnamento della religione cattolica, la scuola e la società si arricchiscono di veri laboratori di cultura e di umanità”.
“L'insegnamento della religione cattolica” si legge ancora nel messaggio dei vescovi, è una “preziosa opportunità culturale che consente anche di confrontarsi con maggiore consapevolezza con altre realtà culturali e religiose presenti oggi nelle nostre città. Esso contribuisce a caratterizzare la scuola come occasione di formazione umana e civile, intessuta nelle dimensioni dello spirito e dell'esperienza religiosa”. L'Irc “come disciplina scolastica specifica, muovendo dai grandi interrogativi esistenziali e dal patrimonio storico della cultura italiana – osserva la Cei -, promuove infatti la riflessione sul senso ultimo della vita e apre al confronto con le altre istanze religiose, facendo conoscere l'originalità della risposta religiosa cristiana, senza precludersi al confronto con altri sistemi di significato”. Di ciò è prova “anche l'alto livello di adesione da parte di famiglie e studenti provenienti da altri paesi e culture”. Nel 2009 l'insegnamento della religione cattolica è stato scelto dal 91% delle famiglie e degli alunni della scuola pubblica. Il dato sale al 91,7 %, se si tiene conto anche di quanti frequentano scuole di ispirazione cattolica.
Sir

IRC: IL MESSAGGGIO DELLA PRESIDENZA CEI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento