Vita Chiesa
stampa

Il 3 settembre festa al convento di San Vivaldo, la «Piccola Gerusalemme»

Si stanno celebrando i 500 anni di fondazione del convento di San Vivaldo, la «piccola Gerusalemme toscana». Un santuario immerso nella campagna volterrana, meta di pellegrinaggio da secoli. Domenica Messa celebrata dal Custode di Terra Santa.

Una delle rappresentazioni presenti a San Vivaldo

San Vivaldo è stato costruito su indicazione di Tommaso da Firenze, dopo un suo viaggio in Oriente, seguendo il modello dei sacri monti del nord Italia dove sono riprodotti i luoghi santi di Gerusalemme e della Terra Santa. Papa Leone X, nel 1517, ha concesso l’indulgenza a coloro che avessero visitato le cappelle della «Piccola Gerusalemme Toscana» di San Vivaldo.

Da allora questo luogo è stato meta di tante persone desiderose di conoscere la Terra di Gesù, di godere della grazia del perdono e desiderose di vivere un momento di pace, spiritualità e bellezza.

Per festeggiare questa ricorrenza la Provincia Toscana di San Francesco Stimmatizzato dei Frati Minori e il Commissariato di Terra Santa della Toscana invitano tutti i francescani, amici, ex pellegrini e in particolar modo le associazioni toscane che a vario titolo hanno un legame con la Terra di Gesù alla Solenne Celebrazione Eucaristica che sarà presieduta da fr. Francesco Patton, Custode di Terra Santa, domenica 3 settembre alle ore 17.

Dopo la celebrazione Eucaristica alle ore 18.15 a cura del gruppo Amici di San Vivaldo, verrà eseguito tra le cappelle del Santuario un itinerario musicale dal nome «Laudato sii» per celebrare la 12° Giornata per la Custodia del Creato. Seguirà apericena musicale.

Fonte: Comunicato stampa
Il 3 settembre festa al convento di San Vivaldo, la «Piccola Gerusalemme»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento