Vita Chiesa
stampa

MESSAGGIO GIORNATA PACE 2012: CARD. TURKSON, FAVORIRE PROTAGONISMO DEI GIOVANI

Parole chiave: benedetto xvi (2612), pace (326), giovani (504)

Il Papa “riconosce, comprende a fondo e presenta i problemi, i dilemmi che colpiscono le giovani generazioni e le nostre società (difficoltà nell'accesso alla formazione e al lavoro, nell'inserimento nel mondo della politica, della cultura e dell'economia); ma il suo intento non si ferma alla descrizione dello status quo. Egli, infatti, dall'inizio alla fine incoraggia, offre un orizzonte di forte speranza: e parlare di speranza vuol dire parlare di futuro. Ma tale futuro non è inteso dal Papa come fosse una sorta di chimera utopistica, un'ideologia che promette una vaga salvezza: è, invece, una visione ben radicata nel passato e nel presente”. Lo ha detto questa mattina il card. Peter Kodwo Appiah Turkson, presidente del Pontificio Consiglio della giustizia e della pace, durante la conferenza stampa di presentazione del messaggio di Benedetto XVI per la 45a Giornata mondiale della Pace (1 gennaio 2012) sul tema: “Educare i giovani alla giustizia e alla pace”. “Nonostante le difficoltà del presente”, ha sottolineato il cardinale, “il Papa guarda comunque e sempre al futuro, cioè, a Dio; e, così facendo (con l'aiuto di Dio), offre una posizione che contrasta pienamente con il dilagante nichilismo che schiaccia l'essere umano su un presente ignoto, svuotandolo di ogni motivazione e traguardo, inaridendogli ogni fiducia: anche in se stesso”.
Un “concetto-chiave” del messaggio del Papa, ha precisato il card. Turkson, è “quello del protagonismo dei giovani e della contestualizzazione delle questioni che vanno affrontate in comunità, poiché è l'intera comunità ad esserne colpita”. Ed è qui che “s'inserisce il tema dell'educazione”, senza trascurare “che gran parte delle conoscenze che i giovani acquisiscono, le ricevono dai loro coetanei più di quanto in genere non si pensi”. Il Santo Padre propone “il suo progetto di educazione dei giovani scegliendo due pilastri intorno ai quali strutturare e far fiorire tale prospettiva: l'educazione alla giustizia e l'educazione alla pace”. Il Pontefice, prosegue il card. Turkson, dedica “alcuni densi passaggi ai responsabili politici perché ascoltino veramente e seriamente le preoccupazioni che si levano dalle società, offrendo sostegno alle famiglie e alle istituzioni educative, supporto alla maternità e alla paternità, e promuovendo l'accesso all'istruzione e il ricongiungimento delle famiglie divise dalle necessità di trovare mezzi di sussistenza”. “È in gioco il senso della politica come servizio, come ricerca del bene di tutti, nessuno escluso. Solo così si può parlare di dignità della politica e dei politici. Chi si impegna nella politica infatti – ha ribadito il cardinale -, deve offrire un esempio di rettitudine, coerenza tra sfera pubblica e privata, preparazione e competenza”.
Il card. Turkson ha quindi ricordato che “occorre tutti insieme costruire un nuovo umanesimo, una nuova alleanza fra gli esseri umani che sia in grado di edificare un mondo dal volto più umano e fraterno, dove non prevalga la tecnica sulla natura dell'essere umano, dove ogni attività professionale, culturale, politica ed economica non sia solo il frutto di un sapere e di una logica tecnicista, ma si nutra appunto di tale umanesimo”. In tal senso, ha concluso in cardinale, occorre che “ogni attività tenga sempre conto, ponga sempre a suo fondamento riconosciuto la dignità dell'essere umano, sempre e comunque, facendo prevalere il dialogo, il diritto sulla prevaricazione, sulla tracotanza, sull'offesa, sull'orrore, sulla guerra tra i popoli e tra le nazioni, sulle persecuzioni, sull'odio, sulle violazioni dei diritti umani, sui peccati contro Dio, contro il creato e contro gli uomini, peccati che uccidono la carità e la civiltà”.
“L'educazione alla giustizia e alla pace coinvolge tutti i soggetti sociali, tutte le istituzioni, l'essere intero dei giovani”, ha detto oggi a Roma mons. Mario Toso, segretario del Pontificio Consiglio di giustizia e pace, nel corso della conferenza stampa di presentazione del messaggio di Benedetto XVI per la 45a Giornata mondiale della Pace. Per mons. Toso, ci sono alcune “condizioni per l'educazione” alla giustizia dalle quali non si può prescindere, soprattutto per le generazioni future. “Per educare i giovani – ha spiegato – occorre: essere attenti ad essi, saperli ascoltare e valorizzarli; comunicare l'apprezzamento per il valore positivo della vita, suscitando in essi il desiderio di spenderla al servizio del Bene; offrire una formazione non mediocre; aiutarli a formarsi una famiglia e a trovare un lavoro; aiutare le famiglie, perché nell'attuale società post-industriale, i genitori possano non venir meno al loro compito fondamentale di educatori”. E non ultimo, ha sottolineato mons. Toso, si deve rendere i giovani capaci di “contribuire al mondo della politica, della cultura e dell'economia” attraverso i vari “ambienti educativi come la scuola, il lavoro, la società politica, i mass media”, che devono aiutarli nella “ricerca della verità” e devono essere luoghi in cui “la persona è rispettata nella sua dignità e mai sia trattata come uno strumento, una ‘cosa'”.
Secondo il segretario del Pontificio Consiglio, il Papa nel messaggio richiama l'urgenza che i “giovani siano educati alla verità, alla libertà, alla giustizia e all'amore, i quattro grandi pilastri della casa della pace, secondo la Pacem in terris del beato Giovanni XXIII”. “Con riferimento alla giustizia Benedetto XVI afferma che essa non è una semplice convenzione umana. Essa trova sì il suo fondamento nel consenso sociale ma soprattutto nell'identità profonda dell'essere umano – ha evidenziato mons. Toso -, ossia in qualcosa che supera la legge positiva. Nell'attuale contesto socio-politico, imbevuto di neocontrattualismo e di neoutilitarismo, per superare un concetto relativistico e sociologico della giustizia, occorre riscoprirne le radici trascendenti, tra cui la solidarietà e la carità”. “La città dell'uomo non è promossa solo da rapporti di diritti e di doveri – scrive infatti Benedetto XVI nel messaggio –, ma ancor più e ancor prima da relazioni di gratuità, di misericordia e di comunione. La carità manifesta sempre anche nelle relazioni umane l'amore di Dio, essa dà valore teologale e salvifico a ogni impegno di giustizia nel mondo”.
Il testo integrale del messaggio

MESSAGGIO GIORNATA PACE 2012: CARD. TURKSON, FAVORIRE PROTAGONISMO DEI GIOVANI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento