Vita Chiesa
stampa

La rinuncia del Papa: il Vescovo di Pistoia, «Un gesto che rende onore»

«Trepidazione e commozione davanti a un fatto per il quale il cammino della storia non ci ha reso attrezzati». Queste le prime parole con cui il vescovo di Pistoia, Mansueto Bianchi, commenta la rinuncia di papa Benedetto XVI. «Un gesto come questo, che ci lascia anche inevitabilmente sgomenti, poteva farlo solo una persona di grande forza intellettuale come Joseph Ratzinger e rende onore alla sua evidente statura».

Parole chiave: rinuncia del papa (6)

Il vescovo di Pistoia, che come tutti i vescovi toscani avrebbe dovuto incontrare papa Ratzinger nel prossimo aprile in occasione della visita «ad limina», sottolinea come «stiamo vivendo, nella Chiesa, stagioni di grandi novità che gli ultimi due pontefici, entrambi stranieri, hanno interpretato e governato con straordinarie capacità di servizio e di testimonianza. Adesso, davanti alle grandi sfide di un futuro già presente, che attengono anche dinamiche antropologiche e interrogano sulla dignità della vita, papa Benedetto ha ritenuto che ci fosse bisogno di maggiore freschezza, anche fisica, nel governo della Chiesa e ha fatto un passo indietro destinato a rimanere nella storia. Alla commozione di queste ore, che certo unisce credenti e non credenti in un contesto autenticamente mondiale, l’intera comunità ecclesiale sa che la risposta giusta abita nella forza della preghiera. La preghiera per Joseph Ratzinger nel giorno della grande scelta, la preghiera per la barca di Pietro nel tempo delle grandi sfide».

Fonte: Comunicato stampa
Mons. Bianchi, «Un gesto che rende onore»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento