Vita Chiesa
stampa

Mons. Manetti: la nomina a vescovo di Fiesole accolta con obbedienza e gratitudine

Sorpresa per questa nomina, obbedienza, gratitudine. Sono i sentimenti espressi questa mattina dal vescovo Stefano Manetti nel duomo di Montepulciano, dopo l'annuncio della sua nomina a vescovo di Fiesole.

Manetti

Dopo la lettura della lettera di nomina giunta dal Nunzio Apostolico, mons. Manetti ha affermato: "L'obbedienza al Santo Padre è costitutiva della Chiesa, e richiede l'adesione piena. Fa parte anche della mia spiritualità: nel mio motto c'è la frase "Segui me". Bisogna lasciare a Dio di scrivere la nostra storia come Lui vuole".

"Non ho cercato questa nomina" ha affermato Manetti, proseguendo: "Ora non è il momento di parlare, è il momento di pregare. Però condivido con voi un sentimento, ed è quello della gratitudine. Mi avete accolto neonato vescovo, mi avete preso per mano, fatto crescere, avete avuto pazienza per i miei limiti. Ci siamo voluti bene, e ringrazierò sempre Dio per il grande dono che mi ha fatto, che siete voi. Rimango fino al Congresso eucaristico diocesano, che celebrerò insieme a voi e sarà il mio saluto. Non abbiamo ancora fissato il mio ingresso a Fiesole". Il Congresso eucaristico diocesano è programmato dall'11 al 18 giugno.

Per quanto riguarda il futuro della diocesi di Montepulciano Chiusi Pienza, mons. Manetti ha affermato: "Non ci sono altre comunicazioni. Tutte le possibilità sono aperte: per questi due mesi che passeremo insieme, appena ci saranno comunicazioni ci aggiorneremo".

Mons. Manetti: la nomina a vescovo di Fiesole accolta con obbedienza e gratitudine
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento